Home Curiosità Vaccino per l’influenza: quando farlo e cosa sapere

Vaccino per l’influenza: quando farlo e cosa sapere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:52
CONDIVIDI

Arriva il vaccino per l’influenza: chi dovrebbe vaccinarsi e perchè.

vaccino influenza raffreddore antibiotici
iStock

Come ogni autunno e inverno che si rispetti torna l’influenza a far tremare tutti. Pare che quest’anno saranno sei milioni gli italiani costretti a letto per questa influenza e la ricerca di rimedi, antibiotici o vaccini è quasi spasmodica. Proprio per quanto riguarda il vaccino  è importante sapere che è gratis dal 15 ottobre fino a fine dicembre, soprattutto per chi soffre di patologie croniche o per gli over 65.

L’influenza del 2019 sarà più insidiosa

Pare che quest’anno i virus influenzali saranno molto più insidiosi del passato e quindi proteggersi con il vaccino sembra essere un’ottima soluzione per cercare di prevenire l’influenza ed evitare di trovarsi bloccati a letto con la febbre. La campagna vaccinale è partita da poco ed è importante capire in cosa consiste e perché è importante eseguirlo. Come prima cosa bisogna sapere che saranno due i ceppi influenzali quest’anno: H3N2 – H1N1. Quest’ultimo soprattutto sarà particolarmente duro da sconfiggere per i bambini mentre l’H3N2 colpirà gli anziani che hanno poche difese immunitarie. Ma non finisce qui. Ci sono anche molti altri virus, il B/Colorado e l’A/Kansas.

Come si può fare il vaccino?

Il vaccino, come abbiamo già anticipato, si può fare gratis dal 15 ottobre al 31 dicembre andando dal medico di base o recandosi presso le strutture sanitarie pubbliche. Pare che una sola dose di vaccino possa garantire una adeguata immunizzazione per tutta la stagione invernale più ricca di complicanze. Il vaccino non è obbligatorio ma è fortemente indicato per chi soffre di patologie croniche e agli over 65. Per tutti gli altri casi si può parlare con il proprio medico di base.

Chi dovrebbe vaccinarsi?

Le categorie che meritano di vaccinarsi più di altre sono coloro che possono trasmettere infezioni a persone ad alto rischio di complicazioni come medici, infermieri e personale sanitario. Stesso discorso anche per poliziotti, vigili del fuoco, allevatori, veterinari e donatori di sangue.