Home Curiosità Perché la castagna nel cappotto tiene lontana l’influenza?

Perché la castagna nel cappotto tiene lontana l’influenza?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:24
CONDIVIDI

Perché si dice che tenere una castagna nel cappotto tenga lontana l’influenza?

Castagne (Thinkstock)

Il mese di ottobre è alle porte e le castagne cominciano a cadere dagli alberi. Vi sarà sicuramente venuto in mente che i vostri nonni, probabilmente, vi avranno detto che tenere una castagna in tasca potrebbe aiutare a tenere lontano il raffreddore. Ma è veramente così? La chiamavano la castagna matta e si diceva che tenesse via i malanni stagionali.

Castagne matte: quali sono e perché tengono lontana l’influenza

La leggenda vuole infatti che questa frutto abbia delle proprietà benefiche che tengono lontane i malanni tipici di questo periodo. Ma cosa c’è di vero e cosa no? La castagna nella tradizione popolare diventa una sorta di alimento guru anche solo per la sua presenza che dovrebbe aiutare a tenere lontana l’influenza. Ma attenzione, non vale per tutte le castagne, ma solo per quella che cade dall’ippocastano e che non si può mangiare perché è tossica. Se si tiene la castagna matta nella tasca del cappotto per tutto l’inverno secondo i nonni dovrebbe aiutare a tenere lontano il raffreddore.

La castagna matta e i cavalli

Queste castagne dell’ippocastano una volta venivano tritate e date da mangiare agli animali proprio per curare l’asma e il raffreddore. Sembrava che gli animali ne traessero molto sollievo e quindi nacque questa leggenda delle proprietà benefiche della castagna matta dovute alle escina. Si tratta di un componente antinfiammatorio che migliora il drenaggio linfatico.

Portare con sé una castagna forse non serve a niente, ma molti sostengono che invece sia importante per tenere lontana l’influenza e tutti i problemi di salute del periodo invernale. Se volete provare però, come abbiamo detto, non si tratta di una castagna classica ma di quelle castagne chiamate Castagne Matte, quelle tonde lucide che cadono dall’Ippocastano e non quindi quelle che si mangiano arrosto o nelle zuppe che sono invece frutte delle castagno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!