Home News Torino, attrice aggredita senza motivo da un immigrato: lei è Gloria Cuminetti

Torino, attrice aggredita senza motivo da un immigrato: lei è Gloria Cuminetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:47
CONDIVIDI
attrice aggredita Gloria Cuminetti
Gloria Cuminetti, l’attrice aggredita a Torino – FOTO: screenshot

L’attrice aggredita senza motivo da un immigrato che dava in escandescenze in strada è Gloria Cuminetti, ha diverse apparizioni al cinema, in tv ed in teatro.

Una violenta aggressione ha visto come sventurata protagonista l’attrice Gloria Cuminetti. Il fatto è successo a Torino sabato 14 settembre. Qui un immigrato marocchino di 34 anni ha picchiato la donna di 30 anni, fino al punto da farla finire a terra priva di sensi. L’uomo era stato visto aggirarsi in strada senza una meta precisa, urlando e dando evidenti segni di squilibrio. Il maghrebino ha colpito la sfortunata Gloria con un pugno fortissimo in pieno viso, in maniera tale da farla svenire. È stata picchiata in maniera selvaggia e senza alcun motivo. Ma prima che tutto questo accadesse, il maniaco aveva insultato ed aggredito in precedenza una coppia, per poi scatenare la sua furia su Gloria. Quest’ultima, bergamasca, è conosciuta per alcuni ruoli di comparsa in diversi film oltre che in delle pubblicità per Lavazza e Martini. Si è diplomata al Teatro stabile del capoluogo piemontese.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Attrice aggredita, Gloria Cuminetti ricoverata in via precauzionale

Pochi minuti dopo la Cuminetti ha ripreso conoscenza e ha avvertito i carabinieri di quanto successo. I militari hanno impiegato pochissimo tempo nello scovare il folle aggressore. Si chiama Halim Ben Daoud, che vive in Italia da irregolare. Vistosi circondato dalle forze dell’ordine, il marocchino ha opposto resistenza ma è stato mandato al tappeto grazie al provvidenziale e non letale utilizzo del Taser. Lo strumento di offesa che scaglia innocue scariche elettriche capaci di stordire chi ne viene colpito per un breve periodo, è in dotazione da oltre un anno ai tutori della legge nel nostro Paese. Ricioverato all’ospedale ‘San giovanni Bosco’, Daud è stato dimesso poco dopo. Si ritiene che possa avere consumato delle sostanze stupefacenti. Per quanto riguarda la vittima dell’aggressione, è stata ricoverata a scopo cautelativo in ospedale dove ha trascorso la notte.