Home News Quota 100, la Fornero: “E’ stato un errore, abbiamo corso dei rischi”

Quota 100, la Fornero: “E’ stato un errore, abbiamo corso dei rischi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16
CONDIVIDI
Quota 100, Fornero
(Screenshot Video)

Raggiunta da un inviato di ‘Dritto e Rovescio’ la Fornero ha espresso la propria opinione sulla ‘Quota 100’ e sulla politica contro l’immigrazione di Salvini.

Nella puntata di ieri sera di ‘Dritto e Rovescio‘ l’ospite principale è stato il leader della Lega Matteo Salvini. L’ex ministro dell’Interno ha ribadito la sua contrarietà al governo M5S-PD, sottolineando come l’accordo, seppur formalmente corretto, non rappresenti la volontà degli italiani. Nella stessa intervista ha poi difeso i partecipanti alla manifestazione contro la fiducia, negando che lo avessero seguito in piazza solo i nostalgici del ventennio: “Fascismo e comunismo sono retaggio del passato, non torneranno”.

A suo modo di vedere la distinzione dei partiti odierni non è da considerare come destra-sinistra, bensì come europeisti-sovranisti. A tal proposito aggiunge che il suo obbiettivo è quello consentire all’Italia di decidere le proprie politiche senza dover sottostare alle imposizioni europee. Tralasciando il commento su quelle che potrebbero essere le conseguenze di una simile politica, il conduttore lo interrompe per fargli vedere un’intervista alla Fornero.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quota 100, l’opinione della Fornero: “E’ stato un errore”

All’ex ministra Fornero viene chiesto cosa ne pensa del superamento della sua riforma delle pensioni con quota 100 e risponde seccamente: “So che c’è molta gente preoccupata (per l’abrogazione della quota 100). Penso che sia stata un grosso errore; penso anche che le persone siano state molto più sagge di quanto l’ex ministro Salvini non le facesse, perché effettivamente molte meno persone di quanto si attendesse hanno fatto domanda”. L’ex ministra esprime poi un giudizio sulla politica migratoria e dice: “Abbiamo corso dei rischi gravissimi di isolamento, d’impoverimento culturale, economico e civile. Penso a tutte le politiche sull’immigrazione di cui lui è colpevole”.

Concluso il servizio viene lasciato spazio alla risposta di Salvini che su quota 100 dice: “Continuo a ritenere che la legge Fornero sia una delle leggi più sbagliate e infami della storia della Repubblica italiana”. Invece sull’immigrazione chiosa: “Sono orgoglioso di aver ridotto notevolmente gli sbarchi clandestini”.