Home News Nuovo Governo, Giuseppe Conte in Parlamento: la fiducia in diretta – VIDEO

Nuovo Governo, Giuseppe Conte in Parlamento: la fiducia in diretta – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:50
CONDIVIDI

la fiducia al nuovo Governo in direttaNuovo Governo: dopo aver ottenuto il mandato e aver fatto il giuramento, Giuseppe Conte oggi va in parlamento a chiedere la fiducia ai parlamentari, ecco le immagini in diretta.

Oggi il nuovo governo M5S-PD si riunisce in parlamento per chiedere la fiducia. Nei giorni scorsi sono state sciolte le riserve ed è stata presentata la squadra (ecco la lista di tutti i ministri ed i loro titoli di studio) che ha giurato al Quirinale venerdì mattina. Questa mattina il premier Giuseppe Conte si presenterà in Aula per illustrare quello che è il programma del nuovo esecutivo e tutta Italia è curiosa di sentire cosa avrà da dire.

Il Presidente del Consiglio ha dunque il compito d’illustrare quali sono in concreto i 29 punti concordati con il PD, riempendo con i contenuti quanto detto nei giorni precedenti. Non mancheranno le polemiche e le proteste: gli ex alleati della Lega e Fratelli d’Italia si sono dati appuntamento fuori dal parlamento per contestare l’accordo tra i giallo-rossi. In migliaia le persone attese a Roma per invocare le elezioni anticipate.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nuovo Governo: Conte chiede la fiducia

Il discorso di Conte a deputati e senatori verterà principalmente sul concetto di discontinuità. Il premier sottolineerà come questo nuovo esecutivo si lascerà alle spalle la precedente esperienza di governo. Pd e M5S hanno concordato di procedere di comune accordo verso un periodo riformista. Si parlerà molto anche di Europa, il nuovo governo avrà un approccio diverso rispetto al precedente e punta ad essere europeista.

Non mancano ovviamente le criticità ed il punti di contrasto. Tra questi ci sono le grandi opere, visto che il neo ministro è favorevole a Gronda e Tav. Da discutere anche la questione autostrade, visto che i dem sono favorevoli a ridiscutere i contratti, mentre i cinque stelle vorrebbero ritirare le concessioni.