Piacenza, Elisa e Massimo: s’indaga sull’ipotesi di omicidio, l’uomo è armato?

Elisa e Massimo, ipotesi omicidioContinuano le indagini sulla scomparsa di Elisa e Massimo. I Carabinieri non escludono l’ipotesi di un omicidio e sospettano che l’uomo sia armato.

Sono passati ormai nove giorni da quando Elisa e Massimo sono stati visti per l’ultima volta insieme nella trattoria dove erano soliti pranzare la domenica. Dopo quel momento la ragazza (28 anni) è scomparsa facendo perdere le sue tracce ed il suo telefono è irraggiungibile. Al contrario Massimo è stato visto più volte nel corso della giornata ed è stato anche ripreso dalle telecamere di sicurezza di una stazione di servizio. Da quel momento, però, è scomparso pure lui.

Da 8 giorni si battono i campi e le zone fluviali alla ricerca dei loro corpi, ma per il momento non vi sono stati risultati. L’ipotesi sulla quale s’investiga in questo momento è che Massimo possa aver ucciso Elisa e che dopo si sia nascosto. A quanto pare l’uomo presentava la ragazza alla famiglia e agli amici come la sua fidanzata, ma secondo le amiche di lei Elisa non aveva alcun interesse in una relazione con l’uomo, in quanto era interessato esclusivamente alle donne. Possibile dunque che la frustrazione abbia portato l’uomo a compiere un gesto estremo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Scomparsa Elisa e Massimo: s’indaga in casa dell’uomo

Nel corso della giornata di ieri i Carabinieri hanno effettuato un sopralluogo nell’abitazione di Massimo al fine di scoprire qualche indizio che possa portare alla sua posizione. Nel pollaio vicino all’appartamento sono state trovate tracce di bruciature e si pensa che Elisa possa essere stata uccisa in quel luogo. Per questo motivo sono state effettuate delle analisi che evidenzino le tracce di sangue ed escludere che ci siano quelle appartenenti ad Elisa. Gli investigatori inoltre sospettano che l’uomo sia armato di arco o di balestra, motivo per cui hanno interrotto l’accesso alle ricerche per i volontari, lasciando sul campo solo agenti di polizia e militari.