Home News Multa per aver soccorso la moglie incinta: “Ma che gente è?”

Multa per aver soccorso la moglie incinta: “Ma che gente è?”

CONDIVIDI
moglie incinta multa
Corre dalla moglie che aveva accusato un malore, dopo trova una multa – FOTO: viagginews.con

Amara sorpresa per un uomo che era corso da sua moglie incinta di 9 mesi che non si era sentita bene. Per fare il suo dovere si è beccato una multa.

A volte assistiamo a vicende per le quali l’obbligo di dover rispettare la legge porta al verificarsi di veri e propri episodi kafkiani. Ne sa qualcosa un uomo che si è beccato una multa per aver lasciato la propria auto in un posto riservato ai disabili. Ne parla proprio il diretto interessato, il 42enne Enrico Gatto, originario di Napoli, il quale spiega di aver mollato la vettura immediatamente e senza pensare in quale posto, pur di correre al fianco della moglie incinta di 9 mesi e che aveva accusato un malore. Una cosa che avremmo certamente fatto tutti noi. Il signor Gatto ha descritto la propria disavventura al quotidiano ligure ‘Il Secolo XIX’, con il fatto che è successo a Ronco Scrivia, in provincia di Genova. La consorte dell’uomo che si è beccato una multa dai vigili insensibili si trovava in una farmacia di Borgo Fornari, frazione di Ronco Scrivia, “in preda alle convulsioni”, come ha raccontato il napoletano.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Multa, per divieto di sosta: “Ma mia moglie stava male”

Niente da fare però: nonostante i rappresentanti locali dell’ordine abbiano ricevuto una simile, importante giustificazione, non hanno risparmiato al malcapitato una contravvenzione per sosta vietata, con tanto di notifica scritta lasciata sul parabrezza dell’auto. “Ma penso che a volte il buonsenso debba avere la meglio. Io non ho nessun problema nel pagare la contravvenzione che mi è stata comminata. Ho grande rispetto per le persone disabili e sono stato a mia volta volontario. Ma sarebbe stato sufficiente guardarci in faccia per capire che era in corso una vera emergenza”. Il sindaco di Ronco Scrivia, Rosa Oliveri, tende una mano all’uomo e dice: “Invito sia lui che la moglie in Comune per sentire di prima persona la loro versione. E, sempre rispettando la legge, procederemo con la revoca della multa”.