Terrore in vacanza: italiano aggredito a colpi di machete a Zanzibar

Italiano aggredito con un machete a ZanzibarLa vacanza a Zanzibar di un trentenne italiano si è tramutata in un incubo quando un rapinatore lo ha aggredito a colpi di machete per derubarlo.

Una piacevole vacanza alla scoperta dei paesaggi incontaminati della Tanzania e delle spiagge di Zanzibar è diventata un incubo per un ragazzo italiano di Spinea (paesino in provincia di Venezia). Il giovane (una ragazzo di appena 30 anni) turista stava passeggiando in serenità quando è stato aggredito alle spalle da un rapinatore che lo ha colpito con un machete ferendolo gravemente ad una spalla e ad una mano. A raccontare quanto successo è lo stesso sfortunato protagonista della disavventura, sopravvissuto all’attacco ma segnato a vita da quanto successo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Italiano aggredito a Zanzibar: “E’ successo tutto in pochi secondi”

Il trentenne fisioterapista veneto non dimenticherà mai la vacanza nel bellissimo arcipelago che si trova di fronte alla Tanzania. Purtroppo però il suo ricordo sarà legato a questa brutta vicenda ed alla paura provata in quel momento. Il ragazzo ha raccontato brevemente quanto successo al ‘Gazzettino‘ spiegando: “Mi ha aggredito da dietro e ha tentato di strapparmi lo zaino. Io ho resistito, lui mi ha colpito con una lama. Un pugnale o un machete, non so cosa fosse. So solo che sono finito in ospedale perché ero un lago di sangue”.

Per fortuna il rapinatore non ha colpito nessun punto vitale ed il successivo intervento dei soccorsi ha evitato che si verificassero complicazioni. L’episodio si è verificato all’incirca tre settimane fa, ma tutt’ora il ragazzo veneto porta i segni delle ferite inflitte dalla lama e quelli psicologici: “E’ durato tutto poco più di dieci secondi, ma non lo dimenticherò mai”.

Silvia Petetti