Uomini e Donne, Angela Nasti: “La storia con Alessio non è mai cominciata”

Angela Nasti
Instagram

Intervistata da Witty Tv, Angela Nasti ha parlato della rottura con Alessio Campoli dopo 13 giorni di relazione spiegandone i motivi.

Sin dal suo ingresso nello studio di Uomini e Donne, Angela Nasti ha fatto discutere per i suoi modi avventati e la sua accesa personalità. L’ex tronista ha avuto un percorso impervio all’interno del programma ed ha faticato a trovare un uomo che potesse soddisfare le sue alte aspettative. Alla fine del percorso, però, ha pensato che Alessio Campoli potesse essere quello giusto.

Il problema è che la coppia si è sciolta solamente 13 giorni dopo la fine del programma senza una motivazione forte come quella addotta dalla collega Giulia Cavaglià sulla fine del suo rapporto con Manuel Galiano. L’influencer è stata accusata di non aver mai voluto iniziare un rapporto e che la partecipazione al dating show è stato solo un modo per farsi pubblicità. Dopo un mese dalla conclusione della storia con Alessio, però, Angela ha parlato a ‘Witty Tv’ dei motivi che l’hanno spinta a prendere quella scelta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Angela Nasti: “Con Alessio non è mai cominciata”

Nella breve anticipazione dell’intervista concessa, Angela non usa giri di parole e spiega che a telecamere spente Alessio ha cambiato radicalmente atteggiamento, facendo emergere un lato del suo carattere che non le è piaciuto. A quel punto l’ex tronista gli ha comunicato che tra loro non funzionava e pare che lui non se la sia presa più di tanto. Adesso i due stanno passando le vacanze estive in serenità e la Nasti ha trovato l’amore con Kevin Bonifazi (calciatore dell’under 21). Proprio alla luce di come sono andate le cose Angela spiega: “Io non me la sento nemmeno di dire che è finita, per me non è cominciata”. Lui non contesta le parole di Angela e si limita a spiegare che si è mostrato per quello che è ed ha concluso dicendo: “Io non ho voglia di prendere in giro nessuno, tanto meno di essere preso in giro”.