Clima Berlino mese per mese: cosa mettere in valigia

berlino autunno porta di brandeburgo

Il clima di Berlino mese per mese: il meteo e i consigli su cosa mettersi e cosa portare in valigia

Berlino è una città sempre in movimento, in cui il fermento artistico e culturale è più vivo che mai, divertente e vivace, dalla Storia imponente e dall’estrema bellezza. Ma le facce di Berlino sono diverse in base alla stagione in cui la si visita. Il clima infatti cambia notevolmente dall’inverno all’estate e incide sulla vita della città. Gli inverni gelidi fanno rintanare i berlinesi, mentre le estati calde e piacevoli fanno vivere la città in tutti i suoi spazi all’aperto (qui i dettagli su cosa fare in estate a Berlino).

Il clima di Berlino: come vestirsi

A Berlino non fa mai troppo caldo, anche se le ultime estati torride hanno messo a dura prova i tedeschi. In ogni caso il clima di Berlino è di tipo continentale il che significa inverni molto freddi ed estati tiepide. Ma c’è da dire che la città si trova in un punto in cui con facilità viene raggiunta da correnti d’aria calda e gelida, il che porta ad una maggiore variabilità e anche a precipitazioni frequenti nei mesi estivi. Berlino città ha sempre un paio di gradi di più che la campagna circostante. Una differenza che nelle freddi notti d’inverno si sente, eccome.

INVERNO – L’inverno va da dicembre a febbraio ed è sostanzialmente molto freddo, con temperature minime di media sotto lo zero e massime di poco superiori. Ma come detto c’è una certa variabilità a Berlino e possono esserci periodi più miti per via delle correnti atlantiche come massime fino a 10 gradi, possono al contrario esserci le correnti gelidi polari che portano nevicate e freddo intenso abbondantemente sotto lo zero.
Cosa mettere in valigia: abbigliamento invernale, maglie e pantaloni termici, giacche a vento, sciarpe, cappelli e guanti.

PRIMAVERA – Questa stagione va idealmente divisa in due: marzo e la prima metà di aprile hanno un sapore nettamente invernale; la seconda metà di aprile e maggio hanno un sapore caldo ed estivo. Infatti a marzo sono ancora possibili ondate di freddo e perfino nevicate. Ad aprile possono esserci dei colpi di coda dell’inverno, ma il clima inizia a farsi più dolce e temperato con temperature che possono toccare i 20 gradi. A maggio scoppia la primavera con i termometri che raggiungono i 25 gradi. Possono verificarsi i primi temporali pomeridiani dall’incontro fra masse calde e fredde.
Cosa mettere in valigia: se si viaggia a marzo prevalentemente abbigliamento invernale. Ad aprile e maggio soprattutto abiti leggeri, ma maglioncini e giacche sono fondamentali, così come delle scarpe chiuse per la pioggia e un k-way.

ESTATE – Nei mesi di giugno e agosto il clima diventa piacevole, caldo, le giornate si allungano e i berlinesi escono a viversi la città. Le massime possono raggiungere i 28/30 gradi, ma la media si attesta intorno ai 25/26 gradi, con minime intorno ai 20-21. Le correnti atlantiche possono verificarsi anche in questi mesi e portare qualche giornata di nubi e pioggia, così come possono esserci ondate di calore molto intenso con massime fino a 38 gradi.
Cosa portare in valigia: abbigliamento leggero ed estivo, una giacca per la sera e un k-way per le possibili piogge improvvise.

AUTUNNO -Se tutto l’anno le perturbazioni atlantiche, ovvero le piogge interessano Berlino, durante l’autunno il passaggio diventa più frequente. Ma nonostante ciò ci sono dei periodi ancora piuttosto lunghi di caldo, un’estate fuori tempo detta Altweibersommer. Settembre e la prima metà di ottobre sono mesi ancora caldi, mentre dalla seconda metà di ottobre inizia il freddo. A novembre possono verificarsi le prime nevicate.
Cosa mettere in valigia: abiti leggeri e k-way se viaggiate fra settembre e ottobre, abiti pesanti e giacche a vento fra ottobre e novembre.

Previous articleLukaku all’Inter, colpo di scena: “C’è l’accordo: affare da 80 milioni”
Next articleSpread oggi mercoledì 17 luglio: andamento in tempo reale
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.