Home Dove, come e quando Andare in vacanza in montagna d’estate fa bene: i motivi

Andare in vacanza in montagna d’estate fa bene: i motivi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:35
CONDIVIDI

Il verde della natura fa bene alla salute. Numerosi studi lo confermano. Ecco perché bisogna andare in vacanza in montagna in esate

Ci sono innumerevoli motivi per cui, per il proprio benessere psicofisico, è necessario andare in vacanza. Se ne volete uno in più ve lo forniscono diversi studi psicologici e scientifici che vi consiglieranno di andare in vacanza in montagna in estate, per stare in mezzo alla natura. Perché il verde degli alberi, i rumori naturali, il paesaggio fatto di montagne e colline vi allevieranno lo stress, le ansie e la depressione. In mezzo alla natura sarete più rilassati, più sorridenti e più in salute.

Se siete quindi fra quelli che ad una vacanza al mare preferiscono una vacanza in montagna avete le vostre buone ragioni e probabilmente per riprendersi dallo stress cittadino non c’è niente di meglio proprio che la montagna. Nonostante anche il mare abbia moltissimi effetti positivi sulla salute e sulla psiche, il verde della natura è molto più rilassante e riposante per gli occhi e la mente.

Vivere in città è stressante e non lo si dice tanto per dire. Il paesaggio è artificiale in quanto costruito dall’uomo, fatto di palazzi, strade e auto, e siamo sottoposti continuamente a richiami come luci, insegne, schermi e persone. D’altronde come riportato in un articolo di Focus che parla proprio dell’importanza di vivere nel verde l’uomo ha trascorso il 99% della propria esistenza nella natura. Ora l’uomo moderno si è allontanato dalla natura, ma farebbe, per stare meglio a ritornarci almeno ogni tanto.

Vacanza in montagna: fa bene alla salute

Vivere in una città, anche in quella più a misura d’uomo, è in ogni caso stressante. Certo, un affaccio di casa sul verde, la presenza di alberi aiutano parecchio perfino difendono da molte malattie abbassando i livelli di stress. L’essere umano ha la necessità di stare in mezzo alla natura, di riassaporare il ritmo naturale. Una vacanza in mezzo alla natura permette di recuperare dallo stress cittadino, di riprendersi dall’affaticamento riducendo quindi ansia, aggressività e tristezza. Con il verde intorno si è più sereni, più soddisfatti di sé, più concentrati. Una passeggiata nei boschi abbassa la frequenza cardiaca e la pressione. Ciò è dato sia dal paesaggio, dal colore verde, dagli spazi aperti, dalla presenza di microorganismi e anche dall’attività fisica che quando si è in montagna o in campagna normalmente si svolge.

Quando siamo nel verde quindi il nostro cervello si rigenera: la corteccia prefrontale continuamente stimolata dalla vita cittadina finalmente si riposa e si attivano invece zone più profonde responsabili delle emozioni quali il piacere e il benessere. E a dirlo sono studi di neurologia.

Insomma, se avete dubbi se andare a visitare una nuova città o andare in montagna. Preferite quest’ultima, specie se avete bisogno di staccare e rigenerarvi.

Leggi anche -> Andare in montagna: le più belle passeggiate nei boschi in Italia

CONDIVIDI
Articolo precedenteMassimo Bossetti, la vedova Guerinoni: “Lui una vittima, ci hanno incastrato”
Articolo successivoInfermiera killer, confermata la pesante condanna: uccise genitori e marito
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.