Home News Bambino ucciso, è stata la madre: “Me l’hanno detto i demoni”

Bambino ucciso, è stata la madre: “Me l’hanno detto i demoni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:04
CONDIVIDI
Bambino ucciso madre
Bambino ucciso, è stata la madre: assurda la giustificazione – FOTO: screenshot

Un bambino ucciso a soli 8 anni: colpevole la sua stessa mamma, che alla polizia si è giustificata in maniera sconcertante.

Una donna è stata arrestata con l’accusa di aver ammazzato il proprio figlioletto. Il bambino ucciso aveva soltanto 8 anni e si chiamava Joevani Antonio Delapen, e la 30enne madre Tisha Sanchez lo ha soffocato premendogli un cuscino sul viso. Il fatto è avvenuto in una località non precisata del Texas. È stata proprio la donna poi ad aver telefonato alla polizia, dicendo di aver trovato suo figlio morto in casa. Voleva farla franca, invece un esame autoptico svolto poche ore dopo ha portato all’emergere di prove incontrovertibili sul fatto che la morte è arrivata con il bambino ucciso per conto di un altro individuo, e non per un malore o per un incidente. La donna aveva dichiarato che il figlio era svenuto, e che lei lo aveva rinvenuto privo di sensi. La verità è quindi venuta a galla, e per la 30enne sono scattate le manette. Lei stessa ha ammesso di aver ammazzato suo figlio, aggiungendo di aver fatto ciò perché si trattava di un comando impartito nella sua testa da alcuni demoni.

LEGGI ANCHE –> Violenza su minore, zero giorni di carcere al mostro, la vittima 15enne: “Mi ride in faccia”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambino ucciso, la madre: “Me l’hanno detto i demoni”. Solo un trucco?

Alcuni pensano che sia solo una strategia per ottenere il riconoscimento dell’instabilità mentale. Un fattore che potrebbe comportare un alleggerimento di pena, vista la sicura condanna. E che magari potrebbe concorrere a scongiurare per la madre infanticida anche l’eventualità di essere condannata a morte. Il Texas è uno degli stati più conservatori degli USA ed il più attivo fra i 37 che praticano la pena di morte. Circostanza che diventa automatica in alcuni casi, tra i quali l’omicidio di minori di 6 anni. Ma anche in altre situazioni non è escluso che tale situazione possa presentarsi. Tisha Sanchez, oltre che per l’omicidio del suo bambino, è stata incriminata anche per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. La prima tappa del processo dovrebbe svolgersi già nei prossimi giorni.