Home News Terrore sul volo per Basilea: passeggeri sbalzati a terra

Terrore sul volo per Basilea: passeggeri sbalzati a terra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:49
CONDIVIDI

Paura sul volo Pristina-Basilea per delle turbolenze:10 feriti e passeggeri sbalzati a terra

Cinque minuti di puro inferno. Così raccontano i passeggeri del volo Pristina-Basilea quei momenti lunghissimi in cui l’aereo ha iniziato a sobbalzare, facendo cadere a terra alcuni passeggeri – dieci i ricoveri in ospedale – e facendo spaventare tutti gli altri. ‘Credevamo di morire’ raccontano alcuni dopo aver messo finalmente i piedi a terra.

La terribile disavventura è avvenuta domenica sera sul volo della ALK Airlines, una compagnia di charter bulgara, partito da Pristina in Kosovo e diretto a Basilea in Svizzera con a bordo 121 passeggeri. Dopo circa trenta minuti dal decollo l’aereo, un  Boeing B737-300, incontra delle forti turbolenze. Il velivolo inizia a subire fortissime spinte e alcuni passeggeri vengono sbalzati a terra. Il panico si diffonde a bordo, tutti urlano, alcuni pregano, qualcuno riprende la scena con il telefono. “La gente urlava, credevamo di morire da un momento all’altro” ha poi raccontato una passeggera al giornale svizzero Blick. Le turbolenze sono durate non più di 5 minuti, poi il volo è continuato senza intoppi. A bordo però 10 persone erano ferite e una volta giunti a Basilea sono state subito trasportate in ospedale.

Leggi anche -> Le peggiori compagnie aeree: ecco quelle da evitare

CONDIVIDI
Articolo precedenteGermania Danimarca Under 21 streaming: dove vederla in diretta
Articolo successivoPamela Prati attacca: “Reputazione rovinata dal mio avvocato, le faccio causa”
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.