Omicidio Yara Gambirasio, ecco come Bossetti l’ha uccisa veramente


Omicidio Yara Gambirasio, ecco come Bossetti l’ha uccisa veramente. Dalla sentenza della Corte di Cassazione i particolari sulla morte della piccola 13enne di Brembate.

Aveva solo 13 anni la piccola Yara Gambirasio, quando quel 26 novembre del 2010 perse la vita. Il corpo della ragazzina fu ritrovata solo il 26 febbraio 2011, in un prato a Chignolo d’Isola, poco distante da Brembate, con i segni della violenza subita. La piccola presentava colpi di spranga sul corpo e ferite da armi da taglio, con un trauma cranico dovuto probabilmente ad un sasso, senza segni di violenza carnale. E’ nel giugno del 2014 che viene arrestato Massimo Bossetti, il cui dna risulta compatibile con le tracce ritrovate sul corpo della ragazza. Inoltre i video delle telecamere di sorveglianza avevano ripreso l’uomo, il giorno della scomparsa di Yara, passare ripetutamente di fronte alla palestra dalla quale uscì la 13enne. Bossetti attraversò quindi i tre gradi di giudizio che lo condannarono all’ergasto. L’uomo però si dichiara ancora oggi innocente.

Omicidio Yara Gambirasio, come Bossetti uccise la 13enne

Dalla sentenza della Corte Suprema di Cassazione si leggono alcuni particolari su come l’uomo avrebbe ucciso la ragazzina. L’avrebbe prelevata dalla palestra e stordita e il rientro a casa alle 20.00-20.15, come confermato dal coniuge, così come l’assenza di alibi per l’uomo, risulterebbero elementi del tutto compatibili con l’aver trasportato la ragazzina al campo di Chignolo e aver riversato la sua violenza su di lei. Proprio in queste ore Bossetti è stato inoltre trasferito in un nuovo carcere dove potrà anche svolgere una attività lavorativa, esattamente come da sua richiesta nei mesi scorsi.

Possibile una revisione del processo?

Per gli avvocati della difesa di Bossetti intanto il caso dovrà essere riaperto. I legali si mostrano infatti positivi in questa direzione, affermando di avere alcuni determinanti elementi che potrebbero portare ad una revisione del processo.

Leggi tutte le notizie su Google News