Home News Mario Biondo, il caso vicino a una svolta: “Ecco perché non fu...

Mario Biondo, il caso vicino a una svolta: “Ecco perché non fu suicidio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:05
CONDIVIDI

Il caso Mario Biondo potrebbe essere vicino a una svolta. A occuparsi della morte del cameraman palermitano è una nuova puntata di Chi l’ha visto.

A ormai più di sei anni dal drammatico ritrovamento del corpo (apparentemente) impiccato del giovane cameraman palermitano Mario Biondo nell’appartamento di Madrid  dove viveva con la moglie e star della tv spagnola Raquel Sanchez Silva, il caso è tutt’altro che chiuso. Staserà tornerà a occuparsene una nuova puntata di Chi l’ha visto su Rai Tre. La novità è che la famiglia dell’uomo – che non ha mai creduto alla ricostruzione ufficiale della vicenda – potrebbe ora essere vicinissima alla verità.

Il sospetto è che non si sia affatto trattato di un mero suicidio, bensì di un suicidio simulato, ovvero una “copertura” di una morte violenta mirata a deviare le indagini. La città d Mario Biondo, Palermo, non ha mai dimenticato la triste data del 30 maggio 2013, e anche quest’anno si è tenuta una commemorazione davanti al Teatro Massimo, alla presenza anche dell’avvocato della famiglia, Carmelita Morreale, visibilmente commossa, e di mamma Santina, cui è stato consegnato un biglietto con la scritta: “Ti vuole bene tutta Palermo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La famiglia del cameraman siciliano in cerca di verità

Lo scorso venerdì ai microfoni de “La Vita in Diretta” la madre di Mario Biondo ha raccontato che “sono stati anni difficili, è stata dura, ma ora siamo a buon punto”. Il primo medico legale è ora indagato con l’accusa (gravissima) di falso in perizia: “È stato il nostro perito di parte a notare l’ematoma alla testa”. Ma sono tante le incongruenze emerse finora, a partire da quelle relative alle attività informatiche: sul computer del cameraman siciliano risultano infatti attività fino al 12 luglio, con accessi remoti da luoghi piuttosto distanti rispetto all’abitazione. E il telefonino alle 5.59 registra un accesso su WhatsApp. Secondo i parenti di Mario Biondo, a compiere quegli accessi “è stato il cugino di Raquel, che è ingegnere informatico”. Quanto alla vedova, “il 30 maggio, sapendo che era l’anniversario della morte di mio figlio, ha pubblicato un video nel quale era tutta raggiante”.

EDS