Viterbo, una donna compie suicidio e lascia biglietto: “Curatevi del mio cane”

Suicidio viterbo
Suicidio Viterbo, si indaga sulla morte di una 37enne © Getty Images

Una donna di 37 anni ha lasciato un biglietto in casa, a pochi metri di distanza dal suo corpo ormai privo di vita. “Pensate al mio cane”.

Sembrano propendere per il suicidio gli inquirenti che a Viterbo stanno seguendo il caso di una donna trovata morta in casa. Lei era di cittadinanza italiana ed aveva 37 anni. Il corpo senza vita di questa persona è stato reperito all’interno del bagno della casa in cui viveva da sola assieme al suo cane. L’abitazione è ubicata nel centro storico di Viterbo, e la polizia ha compiuto la scoperta nel pomeriggio di domenica 2 giugno. Ma molto probabilmente la 37enne era già morta almeno da venerdì. Il cadavere presenta una evidente e profonda ferita da taglio alla gola, lasciato con un seghetto elettrico. Ma una prima osservazione rende possibile l’eventualità che la vittima si sia inferta da sola il colpo letale. Ad avvalorare la tesi del suicidio sta contribuendo anche il contenuto di un messaggio trovato in casa e che proprio la vittima avrebbe scritto. “Prendetevi cura del mio cane”, ci sarebbe scritto su.

LEGGI ANCHE –> Insegnante molesta alunno, lei ha 40 anni e lui 10: “Baci troppo vicini alla bocca”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Suicidio Viterbo, a far scattare l’allarme l’ex fidanzato

L’animale domestico è un Pechinese di 13 anni. A fare scattare gli allarmi è stato un conoscente della donna, insospettito dal fatto che la stessa non rispondesse alle sue chiamate dopo diversi tentativi. Si tratterebbe del suo ex fidanzato. La casa della donna è stata raggiunta quindi dagli agenti di polizia e dal personale del 118. Lei era originaria di Roma ma trapiantata da diverso tempo a Viterbo. Ancora sconosciuti i motivi che potrebbero aver spinto quest’ultima a compiere l’estremo gesto. Molto probabilmente gli inquirenti procederanno con il setacciare i profili social della vittima, se ce ne sono. E convocheranno parenti ed amici per ascoltare se ci fosse in corso qualche situazione controversa che potesse coinvolgere la donna.