Home News Pamela Prati, chi sono davvero i due bambini che mostrava come figli...

Pamela Prati, chi sono davvero i due bambini che mostrava come figli suoi?

CONDIVIDI
Pamela Prati, chi sono i bambini che mostrava come suoi figli
(Screenshot Video)

Pamela Prati continua ad essere al centro dell’attenzione mediatica. Adesso ci si chiede se i figli che diceva di aver adottati esistano davvero e se esistono chi sono in realtà.

La verità su Mark Caltagirone sembra ormai essere stata svelata. Dopo le dichiarazioni di ieri di Eliana Michelazzo, la quale ha detto che non esiste, rimangono davvero pochi dubbi sul fatto che la showgirl o chi per lei (Pamela Perricciolo?) abbia inventato la storia del matrimonio ed il fidanzamento. A riguardo si attendono le dichiarazioni della Prati, ma nel frattempo emergono nuovi dubbi, legati questa volta all’identità ed all’esistenza dei figli di cui la soubrette si vantava qualche mese fa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pamela Prati, chi sono veramente i bambini che mostrava come figli?

Dell’argomento hanno parlato in maniera diffusa ieri mattina a ‘Mattino Cinque’. Introducendo la tematica la conduttrice, Federica Panicucci, ha spiegato al suo pubblico che l’invenzione di due bambini adottati potrebbe consistere in un reato: “La Polizia avrebbe indagato in merito all’esistenza dei figli in affido. Qui ci sono dei reati tipo sostituzione di persona. Stiamo parlando di una cosa grave”, sottolinea la conduttrice che poi mette le mani avanti: “Non sono un avvocato, ma credo che sia così, scusate se non posso essere precisa, ma credo si tratti di un vero reato”.

A quel punto è intervenuta Federica Benincà per aggiungere alle affermazioni della Panicucci alcuni rumor sulla presunta indagine: “La Polizia ha indagato sull’esistenza dei figli di Pamela. Pare che la bambina esista (Rebecca Ndr.) e sia la figlia di un avvocato di Cagliari. Il bambino invece (Sebastian), sembrerebbe, quindi non si ha la certezza, essere il nipote di una delle due agenti”. Trattandosi di indiscrezioni e non notizie ufficiali, è bene non considerarle delle verità assodate.