Juventus, Nicolò Zaniolo confessa: “Chi non ci andrebbe?”

0
1
"Chi non ci andrebbe?"
(Getty Images)

Alla vigilia dello scontro tra Roma e Juventus esce un’indiscrezione sul futuro prossimo di Nicolò Zaniolo. Il centrocampista giallorosso avrebbe confidato che gli piacerebbe giocare per i campioni d’Italia.

Questa domenica ci sarà una sfida importante per il campionato: la Roma sfiderà la Juventus campione d’Italia cercando una vittoria per continuare a sognare una qualificazione alla prossima Champions League. La squadra di Ranieri non si può permettere passi falsi e spera che la Juve, paga del risultato già ottenuto, possa essere un’ostacolo meno ostico del previsto. In questa occasione si potrebbe parlare anche di mercato, da mesi è noto l’interesse della squadra torinese per Nicolò Zaniolo e la dirigenza dei bianconeri potrebbe fare un sondaggio sulle possibilità di imbastire un trasferimento in estate.

Nei mesi scorsi il 19enne prodigio del calcio italiano aveva fatto capire di trovarsi bene a Roma e di essere propenso a trovare un accordo con la società per un rinnovo contrattuale. L’attuale squadra sarebbe dunque la prima scelta di Zaniolo, ma sta alla dirigenza decidere se trattenerlo o lasciarlo andare ottenendo una plusvalenza importante (non partirebbe per meno di 50 milioni di euro).

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Zaniolo apre alla Juventus? La mamma smentisce tutto

Secondo recenti rumor, Zaniolo avrebbe confidato ad alcuni ammiratori in discoteca che non gli dispiacerebbe un futuro nella squadra di Allegri. Quando questi gli hanno chiesto se in estate sarebbe passato alla Juve, infatti, Nicolò avrebbe risposto: “Alla Roma sto benissimo, ma chi non ci andrebbe alla Juve? Ma poi decide la Roma”. L’indiscrezione ha alimentato le speranze dei tifosi torinesi ed indispettito quelli romanisti, ma la madre di Zaniolo, Francesca Costa, ha smentito tutto attraverso il proprio profilo Instagram: “Nicolò non ha mai detto nulla di tutto ciò, non capisco come certi giornalisti o pseudo tali possano inventarsi certe cose, destabilizzando volontariamente la serenità di un ragazzo di 19 anni che sta dimostrando di impegnarsi nel suo lavoro o meglio nella sua passione senza distrazioni ma con il massimo della professionalità. Se lo lasciate un po’ tranquillo ve ne saremo tutti grati”.