Home Meteo Meteo, arriva il freddo dal Polo Nord: quanto durerà

Meteo, arriva il freddo dal Polo Nord: quanto durerà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:50
CONDIVIDI

meteo maggio 2019

Previsioni meteo arriva il freddo dal Polo Nord: aria gelida, temperature in picchiata, neve in pianura. Quanto durerà l’ondata di gelo

Un maggio così freddo si fa fatica a ricordarlo. D’altronde guardando gli annuari sembra che siano circa 40 anni che a maggio non si registravano temperature simili. Il grande freddo proveniente dal Polo Nord preannunciato dagli esperti del meteo ha fatto la sua irruzione in Italia spazzando via la primavera e riportandoci a novembre. Il clima sembra infatti autunno-invernale con piogge, aria fredda, neve sulle Alpi e perfino in pianura. Ma quanto durerà questo freddo?

La primavera era iniziata a marzo a spron battuto, ma subito aprile aveva ridimensionato riportando piogge e temperature più fresche. Ora ad inizio maggio questa ondata di freddo polare allontana ancora di più la primavera 2019. Si tratta però solo di una questione di giorni, poi quasi rimpiangeremo il freddo.

Leggi anche-> Estate 2019: caldo bollente, ecco le previsioni

Quando dura il freddo sull’Italia a maggio?

L’aria fredda proveniente dal Polo Nord è giunta sul nostro Paese ed ha fatto crollare le colonnine di mercurio. L’Italia si è svegliata così in un clima prettamente invernale, con temperature più basse di 10 gradi rispetto alla media stagionale. Un evento davvero raro per maggio e che ci si chiede quanto durerà. Le temperature sono scese portandosi su valori tipicamente da novembre soprattutto al Nord dove le massime non supereranno i 10 gradi. Trento, Bologna, Trieste, Padova e Venezia le città più fredde specie per via dei forti venti. Domenica 5 maggio sarà la giornata più fredda di questa ondata di freddo e maltempo: i venti freddi di Bora e Maestrale soffieranno sulla nostra penisola e tutta l’Italia sarà spazzata da piogge, temporali e grandinate. La neve scenderà sulle Alpi ma possibili nevicate potrebbero arrivare anche nelle prealpi e nelle pianure del Nord Est.

L’ondata di freddo gelerà l’Italia anche nella giornata di lunedì 6 maggio specie sui settori adriatici e al Sud. Andrà un pochino meglio al Nord e sulla fascia tirrenica perché non pioverà e un timido sole si affaccerà smorzando un po’ l’aria gelida. In ogni caso le temperature resteranno ben al di sotto della media del periodo. Un leggero miglioramento lo avremo martedì 7 su tutta la Penisola: il tempo sarà più asciutto e il sole più caldo. Mercoledì 8 la colonnina di mercurio finalmente si alzerà decisamente soprattutto al Centro e al Sud, mentre al Nord per via di alcune perturbazioni l’aria non sarà troppo tiepida. A Roma si passerà da 14 di massima e 7 di minima di domenica 5 maggio ai 19 di massima e 13 di minima di mercoledì 8 maggio. Un aumento di 3/4 lo si avrà anche al Nord. Giovedì 9 maggio l’aria si farà più tiepida ovunque: le massime toccheranno e supereranno i 20 gradi e le minime saranno superiori ai 10.

Dal 9/10 maggio quindi sentiremo finalmente un po’ di primavera e per alcuni giorni potremo goderci questo clima mite. Poi una nuova perturbazione porterà altre piogge e ridimensionerà il caldo. Sulla fine del mese un nuovo decisivo capovolgimento di fronte: scoppierà il caldo estivo.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteAeroporto Fiumicino, blocco informatico per Alitalia: ritardi sui voli
Articolo successivoStasera in tv, Che tempo che fa: ospiti e anticipazioni del 5 maggio
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.