CONDIVIDI
età, carriera e vita privata del critico d'arte
(Instagram)

Vittorio Sgarbi è uno dei personaggi più famosi del piccolo schermo ma quanto sappiamo su di lui? Età, carriera e vita privata del critico d’arte.

Di recente Vittorio Sgarbi ha fatto parlare di sé per aver fatto notare come il rogo di Notre Dame non sia poi una tragedia e per aver parlato per la prima volta della sua terza figlia: Alba, frutto di una relazione con una cantante lirica albanese. Il critico, sebbene non si sia mai sposato, ha avuto altri due figli: Carlo ed Evelina. Tutti e tre i figli provengono da relazioni con donne diverse, ma Sgarbi sostiene che non siano stati voluti ma di essere contento che siano cresciuti bene. Dal 1998 è fidanzato con Sabrina Colle, un rapporto libero ma al tempo stesso caratterizzato da un forte sentimento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Vittorio Sgarbi: età, carriera e vita privata

Nato a Ferrara l’8 maggio del 1952, Vittorio Sgarbi ottiene la maturità classica e la Laurea in Filosofia con il massimo dei voti. Quindi decide di specializzarsi in Storia dell’Arte. La sua passione per le opere d’arte lo posta a diventare un critico di settore, ma a questa professione affianca più avanti un’attività politica cominciata nel Partito Comunista Italiano nel 1990. Autore di diversi testi e conduttore televisivo sulla Mediaset dal 1992 al 1999 con ‘Sgarbi Quotidiani‘, il critico conduce contemporaneamente una carriera politica di successo diventando parlamentare in diverse occasioni (Sgarbi rimane in parlamento dal 1992 al 2006) con partiti differenti. Il punto più alto della sua carriera politica lo raggiunge quando viene nominato sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni culturali.

Nel 2006 si candida come Sindaco di Milano, salvo poi ritirare la sua candidatura. Nello stesso anno partecipa al reality ‘La Pupa ed il Secchione‘ in qualità di giurato. Nel 2008 diventa sindaco di Salemi, concluso il mandato prova a diventare sindaco di Cefalù ma perde le elezioni. Lo stesso anno viene nominato assessore alla Rivoluzione di Baldissero d’Alba. Mentre lo scorso anno è stato eletto deputato e sindaco a Sutri. La carriera televisiva è continuata più che altro con partecipazioni a vari programmi in cui si è distinto per le sue posizioni.