CONDIVIDI
"Paris e Prince non sono i suoi figli"
(Getty Images)

Debbie Rowe, ex moglie di Michael Jakson, ha rivelato alla stampa britannica che Paris e Prince non sono i figli del “Re del pop”.

Continuano a far discutere le rivelazioni riguardanti la vita di Michael Jackson: il defunto “Re del pop” è finito al centro delle polemiche dopo la pubblicazione del documentario ‘Leaving Neverland’, in cui due uomini lo accusano di aver abusato di loro quando erano ancora dei bambini. Proprio il documentario ha spinto i media ad approfondire delle voci che già in passato erano circolate e che dopo la morte erano state abbandonate.

La famiglia del cantante ha negato le accuse e fatto causa ai produttori del documentario, ma voci, articoli e presunte rivelazioni sono arrivate senza soluzione di continuità. Solo pochi giorni fa, infatti, una rivista americana ha messo in giro la voce che la figlia 20enne di Michael, Paris, avrebbe tentato il suicidio dopo aver visto ‘Leaving Neverland’, voce che è stata prontamente smentita dalla diretta interessata. Ad alimentare lo scandalo, però, sono giunte le dichiarazioni di Debbie Rowe, ex moglie del cantante, che recentemente ha svelato come Paris e Prince non siano figli di Michael.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Michael Jackson, Debbie Rowe: “Non abbiamo mai fatto sesso”

Intervistata dal quotidiano britannico ‘The Sun‘, l’ex moglie di Michael Jackson ha confermato le voci che giravano da tempo sulla paternità dei suoi figli: “Entrambi sono nati da inseminazione artificiale con il ricorso ad un donatore. Proprio come le fattrici sono fecondate in modo che si riproducano, è stato molto tecnico. Proprio come si inserisce lo sperma in un cavallo, questo è quello che hanno fatto a me: io ero il suo purosangue”. Debbie ha spiegato anche: “Non abbiamo mai fatto sesso”, ciò nonostante ha deciso di renderlo padre per il grande amore che aveva per lui: “Sono i suoi figli, li ho avuti per lui. Non sarebbero nati se non fosse stato per il mio amore per lui. L’ho fatto per farlo diventare padre, non per diventare io madre”.