Home News Niccolò Bettarini, il clamoroso sfogo su Instagram: “Che schifo la giustizia italiana”

Niccolò Bettarini, il clamoroso sfogo su Instagram: “Che schifo la giustizia italiana”

CONDIVIDI
niccolò bettarini giustizia schifo instagram
(Instagram)

Niccolò Bettarini ha attaccato il giudice che ha deciso di scarcerare l’uomo che lo accoltellò 8 mesi fa, lo sfogo anche contro il suo avvocato nelle storie di Instagram

Durissimo sfogo di Niccolò Bettarini. La decisione di scarcerare l’uomo che lo aveva accoltellato 8 mesi fa, al termine di una lite fuori da un locale di Milano, l’ha mandato su tutte le furie. Il gip del tribunale lombardo, Guido Salvini, ha infatti optato per gli arresti domiciliari per Davide Caddeo. L’uomo, 30 anni, che ha rimediato una condanna a 8 anni di carcere per l’aggressione al figlio di Stefano Bettarini e Simona Ventura. Insieme a lui sono stati condannati a 6 anni e 6 mesi Albano Jackey, 5 anni e 6 mesi Alessandro Ferzoco e 5 anni Andi Arapi. Il ragazzo è stato protagonista di un clamoroso sfogo sui social. Niccolò Bettarini ha infatti duramente attaccato sia il suo avvocato che il giudice, pubblicando diverse storie sul suo profilo Instagram.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Niccolò Bettarini, clamoroso sfogo su Instagram: “La giustizia italiana fa schifo”

“Sono stato zitto per tanto tempo, ma ora parlo. Non è una cosa che fa piacere, non lo faccio per pubblicità, sono incazzato: la giustizia italiana non esiste, è uno schifo per tutti”. Niccolò Bettarini è una furia. Il ragazzo, dopo la notizia della scarcerazione di Davide Caddeo – ritenuto dalla giustizia l’uomo che lo accoltellò – esplode in tutta la sua rabbia su Instagram. Ne ha per tutti, in primis per il suo avvocato: “Complimenti al mio avvocato, non ho saputo niente per mesi, ci ha abbandonati dopo l’ultima sentenza”. Ma il figlio di Stefano Bettarini si è scagliato anche contro il giudice che ha deciso per la scarcerazione di Caddeo, ora ai domiciliari: “Complimenti al giudice, non studio giurisprudenza, ma se condanno qualcuno per tentato omicidio, dopo un mese li scarcero tutti. Questa è la giustizia italiana, è uno schifo”.