CONDIVIDI
papa francesco emirati arabi islam
Il viaggio di Papa Francesco negli Emirati Arabi è stato un evento storico © Getty Images

Il viaggio di Papa Francesco negli Emirati Arabi è un evento di portata storica. L’Islam mostra convergenza di vedute importante su molti temi delicati.

Il viaggio di Papa Francesco negli Emirati Arabi è stato un evento storico. È la prima volta infatti che il capo della chiesa cattolica visita lo stato mediorientale. E lì c’è stato anche l’incontro con il grande Imam d’Egitto. Durante questa visita è stata siglata una intesa per la protezione dei luoghi di culto, i diritti delle donne e quello di professione del proprio credo. Inoltre è stato ribadito dalle diverse religiosi il netto no al terrorismo che si basa su presunti fondamenti islamici. Il vero credente islamico è colui che non percorre questa odiosa strada. Insomma, è stato un evento volto ad avvicinare cristiani e cattolici con musulmani. Il messaggio inviato al mondo è che il dialogo è il fondamento di tutto ed unisce i popoli del mondo. Papa Francesco nello specifico ha incontrato il grande Imam di Al-Azhar (Egitto), Ahmad Muhammad Al-Tayyib. Con lui è stato firmato il Documento sulla fratellanza umana. Bergoglio ha celebrato la messa davanti ad oltre 120mila persone tra fedeli e non. Perché tutti gli hanno voluto dare il benvenuto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Papa Francesco, il messaggio di fratellanza con l’Islam

E tutto è avvenuto in diretta televisiva, con le principali emittenti degli Emirati Arabi che hanno fornito una copertura totale a quanto avvenuto negli ultimi giorni. Papa Francesco si è rivolto ai cristiani di quelle latitudini, invitandoli a non sentirsi più una minoranza ma a professarsi cittadini con pieni diritti, al pari degli altri di religione musulmana, nel pieno rispetto. L’Imam invece ha invitato i musulmani a proteggere i loro fratelli cristiani nei casi di abusi. Tanti sono i punti in comune, anche su temi delicati come aborto, eutanasia, diritto di professare il proprio credo e condanna al terrorismo. Ed in materia di diritti delle donne c’è stata una apertura importante da parte musulmana. La strada da intraprendere è questa, nonostante non manchi una frangia di individui, tra i quali anche personalità di un certo lignaggio, che non hanno visto di buon occhio questo grande momento storico da parte delle due chiese.