CONDIVIDI
Infine vi ricordiamo la nostra guida ai musei di Firenze.
Gallerie degli Uffizi (iStock)

Gallerie degli Uffizi museo italiano più seguito su Instagram. I numeri di un successo.

Tra i musei più amati al mondo ci sono le straordinarie Gallerie degli Uffizi di Firenze, dove sono custoditi capolavori immortali dell’arte, come la Primavera e la Nascita di Venere di Botticelli e tante altre opere del Rinascimento, insieme a quelle di altre epoche. La vasta collezione del museo fiorentino attrae milioni di visitatori ogni anno, disposti a fare anche lunghe file pur di ammirare le opere esposte. Gli Uffizi sono un museo molto popolare anche sui social media, soprattutto su Instagram, dove sono il museo italiano più seguito.

Gallerie degli Uffizi museo italiano più seguito su Instagram

Gli Uffizi di Firenze vincono la “gara” del museo italiano più seguito su Instagram, con oltre 207 mila follower, in continua crescita, con una media di circa 441  seguaci in più al giorno. Il ricchissimo museo fiorentino ha superato la Peggy Guggenheim Collection di Venezia, che fino a pochi giorni fa dominava la classifica dei musei italiani più seguiti su Instagram e oggi si deve “accontentare” dei suoi 205 mila follower.

Tra i musei statali e di arte antica in Italia gli Uffizi erano già primi da oltre un anno, come ha fatto sapere la direzione del museo. Mentre nel mondo le Gallerie degli Uffizi si piazzano al 27° posto tra i musei più seguiti in assoluto su Instagram.

La maggior parte dei follower del profilo Instagram degli Uffizi proviene dall’Italia, seguono gli Stati Uniti, poi la Spagna, il Brasile e il Regno Unito.

Su Instagram gli Uffizi sono al primo posto in Italia anche in base al parametro dell’engagement, ovvero l’attività dei suoi utenti (visite, mi piace, condivisioni, commenti, acquisti, ecc…). Mentre a livello mondiale sono al 13° posto, davanti anche Louvre, al 20° posto, Museo del Prado, 35° posto, e Metropolitan (MET) di New York al 77°.

Infine vi ricordiamo la nostra guida ai musei di Firenze.
Galleria degli Uffizi, interno (Luca Aless, CC BY-SA 4.0, Wikipedia)

Gli account unici che hanno visto un post degli Uffizi in una settimana sono 94.502 con un incremento del 9,3% ogni sette giorni. Tra i post più apprezzati ci sono: la Venere di Botticelli (14.213 interazioni), la Medusa di Caravaggio (10.336), Giuditta e Oloferne di Artemisia Gentileschi (10.125). A seguire ci sono la Maddalena del Perugino, il Laocoonte di Baccio Bandinelli, l’Angelo musicante del Rosso Fiorentino, il Bacco di Caravaggio. Tra le opere apprezzate ce ne sono anche alcune meno famose, come la statua di Teseo ed Elena di Vincenzo de’ Rossi, all’interno della Grotta del Buontalenti (16° posto), e l’ottocentesco Odoardo Borrani con l’Estasi di Santa Teresa (19°). Tra i brevi video postati più popolari c’è lo spettacolo dei fuochi d’artificio diurni al piazzale Michelangelo, anticipo della mostra Flora Commedia di Cai Guo Quiang, in programma fino al 17 febbraio 2019 agli Uffizi, che ha avuto quasi 20mila visualizzazioni.

Infine vi ricordiamo la nostra guida ai musei di Firenze.
Galleria degli Uffizi a Firenze (iStock)

“I social network sono uno strumento fondamentale per promuovere la conoscenza dell’arte e dei beni culturali a livello planetario, ci stiamo impegnando molto per rafforzare la presenza delle Gallerie su queste piattaforme digitali, corredando anche le immagini dei nostri tesori con testi e approfondimenti sia in italiano che in inglese”, ha detto il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt.

Gli Uffizi sono anche il museo più amato d’Italia, secondo le preferenze degli utenti di TripAdvisor, mentre tra i musei europei sono all’ottavo posto.

Per evitare le lunghe file per entrare alle Gallerie, la direzione del museo ha sperimentato un algoritmo speciale che riduce nettamente i tempi di ingresso, consentendo ai visitatori muniti di biglietto di ottenere l’orario esatto di ingresso, senza dover aspettare in coda davanti al museo.

Infine vi ricordiamo la nostra guida ai musei di Firenze.

A cura di Valeria Bellagamba