CONDIVIDI

maltempo roma

Confermata l’allerta meteo della Protezione Civile per il maltempo. Anche domani 30 ottobre probabilità di scuole chiuse

Cresce la preoccupazione per le condizioni meteo in Italia. L’ondata di maltempo che dalla notte di sabato sta imperversando sul nostro Paese sta creando situazioni molto allarmanti per via dell’enorme quantità d’acqua caduta in poche ore. La Protezione Civile ha innalzato il livello di allerta a rosso per la Liguria, il Veneto e il Friuli Venezia Giulia dove a preoccupare sono i fiumi che potrebbero esondare. Alcune strade sono già state chiuse in via precauzionale. Allerta arancione, quindi criticità media di rischio idrogeologico, per il Lazio e la Toscana.

Stando agli esperti del meteo la giornata peggiore di questa fortissima perturbazione sarà oggi lunedì 29 ottobre quando la Bassa Pressione si rafforzerà ulteriormente e si potranno verificare dei violenti nubifragi a carattere alluvionale. Cadrà quindi tanta altra acqua in maniera intensa su un terreno già provato dalla tanta pioggia caduta nei giorni scorsi. Per questo motivo in molti Comuni è stato deciso di chiudere le scuole per la giornata di oggi lunedì 29 ottobre (qui l’elenco dei Comuni).

Leggi anche -> Meteo, maltempo sull’Italia: le previsioni per la settimana

Scuole chiuse a Roma oggi 29 ottobre

Nel Lazio la situazione peggiore potrebbe verificarsi a Roma dove gli esperti prevedono delle violenti bombe d’acqua, ossia delle veloci alluvioni. La Protezione Civile ha diramato un’allerta arancione per la Capitale, ossia un livello di allarme alto. La situazione è costantemente monitorata dal Campidoglio in continuo collegamento con la Protezione Civile.

Lunedì 29 ottobre le scuole di Roma e provincia di ogni ordine e grado sono rimaste chiuse. L’ordinanza è stata firmata dalla Sindaca Raggi nel tardo pomeriggio di ieri dopo un ulteriore conferma da parte degli esperti delle previsioni meteo per domani.  Numerosissimi gli interventi dei vigili del fuoco realizzati in città per la rimozione di alberi caduti, tegole divelte dai tetti e pali pericolanti. Si sta lavorando per rimuovere eventuali ostruzioni dai tombini come foglie cadute dagli alberi per lasciare liberi gli scoli dell’acqua.

Continua a leggere le nostre notizie di attualità, meteo e viaggi: seguici su Google News!