CONDIVIDI
(Screenshot Video)

Giorgia Meloni posta un servizio di ‘Studio Aperto’ in cui vengono citati alcuni casi di stupro da parte di immigrati con precedenti che non sono stati espulsi dall’Italia.

Giorgia Meloni presenta con parole dure nei confronti della sinistra e dei gruppi a tutela dei diritti delle donne un servizio di ‘Studio Aperto‘ in cui vengono presentati alcuni degli ultimi casi di stupro ai danni di donne, ragazze e adolescenti italiane da parte di immigrati con precedenti penali che, nonostante questo, non erano stati espulsi dal nostro territorio: “Nel silenzio della sinistra e delle femministe, diverse donne continuano a subire violenze sessuali da parte di stranieri che non dovrebbero nemmeno essere in Italia. Questo servizio devono vederlo tutti!”.

Leggi anche -> Rimini, turista danese violentata: il colpevole è al quarto stupro

Leggi anche -> Stupro della 15enne a Jesolo, perché lo stupratore senegalese non può essere espulso

Il servizio sugli stupri degli immigrati recidivi

Il servizio del telegiornale di Italia 1 di cui sopra si apre con le parole di una ragazza milanese che lo scorso 20 luglio è sfuggita ad un tentativo di stupro grazie allo spray urticante che aveva nella borsa: “Mi ha preso, mi ha buttato al muro e mi ha toccato”. Subito dopo vengono mostrate le immagini dell’accaduto riprese da una telecamera di sicurezza all’interno della metro che dimostrano quanto appena affermato dalla ragazza: un tentativo di aggressione sessuale che non è andato a termine per la prontezza di riflessi della giovane nel prendere lo spray urticante.

Se questo è uno degli episodi che si sono conclusi positivamente, non tutte le ragazze oggetto delle attenzioni indesiderate di questi criminali hanno avuto la stessa fortuna. Nello stesso servizio, infatti, si parla dello stupro compiuto da un cittadino senegalese ai danni di una ragazzina di appena 15 anni lo scorso 22 agosto. L’uomo in questione aveva già svariati precedenti penali ed un decreto di espulsione mai applicato perché padre di una bambina italiana.

Leggi anche ->Milano, la 25enne sfuggita allo stupro in stazione: “Ecco come mi sono salvata”