CONDIVIDI
Si tuffa per recuperare un'ancora: Luca, campione di nuoto, muore a 20 anni
(Facebook)

In spiaggia all’Addura, Luca Giacoletti, giovane campione di nuoto, non è riuscito a riemergere ed è morto a soli 20 anni.

La tragedia accaduta ieri a largo dell’Addura (Palermo), dimostra ancora una volta la pericolosità del mare: un ragazzo di appena vent’anni si è tuffato in acqua per recuperare un’ancora rimasta incagliata sul fondale, ma non è più riuscito a riemergere. Il giovane, Luca Giacoletti, era nato con un talento particolare per il nuoto tanto da entrare in simbiosi con l’acqua, una passione che condivideva sin dall’infanzia con il fratello Gabriele. Sin da quando aveva 8 anni aveva cominciato a vincere gare di nuoto e nel 2015 aveva persino vinto una gara di resistenza in mare: il Femmine Island Swim (una gara di 1500 metri che prevede un giro attorno alla famosa località di mare del palermitano).

Leggi anche -> Padre, nonno e bimba rischiano di annegare, bagnino li salva tutti

Leggi anche -> Sirmione, rischia di annegare a 5 anni: bimba lo salva e divenuta un’eroina

Tragedia nel Palermitano: Luca, campione di nuoto, muore in mare a 20 anni

Consapevole della sua abilità nel nuoto, Luca Giacoletti, non si è posto il problema di andare a recuperare un’ancora rimasta incagliata sul fondare a largo dell’Addura. Tuffatosi in mare si è immerso in prossimità dell’ancora, ma non è mai più riemerso. Preoccupati, i presenti hanno chiamato i soccorsi, ma quando i sub sono giunti sul luogo per Luca non c’era più nulla da fare. Si pensa che il ragazzo abbia provato a risalire quando si è reso conto di non poter liberare l’ancora ma che il mare mosso gli abbia impedito di risalire in tempo a prendere fiato. Grande il dolore di amici e parenti per la tragica scomparsa di Luca, nelle scorse ore il suo profilo Facebook si è riempito di messaggi di cordoglio.

Leggi anche -> Voleva attraversare il lago di Fiastra: ragazzo annega davanti agli occhi dei turisti