CONDIVIDI
(Facebook)

Un 23enne ha tentato di attraversare da solo il lago di Fiastra, a Macerata, ma è annegato davanti agli occhi dei turisti a pochi metri dalla riva.

Mohamed Ali Slama, 23enne italiano di origini tunisine residente a Moie di Maiolati, ad Ancona, è annegato nel lago di Fiastra, in provincia di Macerata, a pochi metri dalla riva. Il ragazzo era in gita in campeggio con il gruppo di amici e alle 14.30 circa di ieri si è tuffato in acqua da solo con l’intento di attraversare il lago ma, a circa 10 metri dalla riva opposta, ha iniziato ad urlare attirando l’attenzione di alcuni turisti francesi che hanno tentato, invano, di intervenire per soccorrerlo.

Leggi anche —> Bimba sta per affogare in piscina, la bagnina compie il salvataggio-Video

Il 23enne aveva tentato di attraversare il lago di Fiastra a nuoto ma è affogato a pochi metri dalla riva

Il tragico epilogo del gesto goliardico di Mohamed Ali Slama, il 23enne affogato a pochi metri dalla riva, lascia davvero esterrefatti. Attimi di panico fra i turisti e gli amici del ragazzo che in pochi attimi hanno visto Mohamed affogare senza riuscire a fare nulla per poterlo salvare. Il ragazzo, infatti, abile nuotatore, è entrato in acqua con l’intento di attraversare il lago riemergendo dal lato opposto. Quando la sua traversata stava per concludersi, però, il 23enne ha probabilmente accusato un malore o una stanchezza tale da impedirgli di arrivare a riva, che distava non più di 10 metri dal luogo in cui Mohamed è stato risucchiato. Il giovane è stato con tutta probabilità risucchiato dalla corrente che ne ha prosciugato le forze ed a nulla solo valse le urla strazianti di cui i testimoni, ancora attoniti, hanno riferito. A circa 10 metri dalla riva opposta del lago il giovane ha iniziato ad urlare attirando l’attenzione di alcuni turisti francesi sdraiati a prendere il sole che non sono riusciti, però, ad intervenire in tempo. Il lago, nel punto in cui il ragazzo è affogato, è alto circa 30 metri e, nonostante i bagnini del campeggio si siano lanciati in acqua non appena allertati dai turisti, non sono riusciti a ritrovare il giovane. I carabinieri della stazione di Fiastra, la Croce Rossa ed un’eliambulanza partita dall’ospedale regionale di Torrette sono giunti simultaneamente sul posto ma ormai era già troppo tardi. I vigli del fuoco di Macerata e Ancona hanno dovuto, quindi, predisporre le ricerche del corpo con l’ausilio di sommozzatori dei pompieri. Il corpo senza vita del 23enne, però, è stato rinvenuto solamente questa mattina dopo una nottata di ricerche estenuanti ed è stato messo a disposizione dell’autorità giudiziaria per effettuare un’autopsia che possa dare, per lo meno, delle risposte sulla tragedia.

Marta Colanera