CONDIVIDI
(Screenshot Video)

Un video postato da Gianni Alemanno mostra come Renzi avesse una posizione simile a quella espressa da Salvini sui migranti, sia contro l’UE che sulla creazione di una rete di assistenza in Africa.

In parte per screditare l’attuale posizione del PD ed in parte per far notare ai detrattori di Salvini che in fondo le stesse posizioni espresse dall’attuale ministro dell’Interno erano state manifestate in tempi non sospetti anche da Matteo Renzi, Gianni Alemanno ha postato un video dell’ex premier risalente al 7 luglio del 2017. In questo Matteo Renzi esprime la propria posizione sul mancato aiuto dell’Unione Europea nella gestione del flusso dei migranti e dice che nel caso in cui gli altri Paesi membri non avessero contribuito nell’accoglienza, l’Italia avrebbe diminuito la quota versata all’Europa per utilizzare quella somma nella gestione di quella che un anno fa era percepita come un’emergenza. A fine video il leader del Pd dice anche che sarebbe da considerare una struttura di sussistenza dei migranti che possa permettere a tutta l’Europa di aiutarli direttamente “A casa loro”.

Leggi anche -> Immigrazione clandestina, “le ONG sono complici e vanno fermate”

Leggi anche -> Salvini: “Migranti su nave Ong spagnola, si scordino di arrivare in Italia”

Discorso Renzi sui migranti, le differenze con Salvini

Il discorso di Renzi mostra come anche il PD abbia considerato l’ipotesi di ridurre il contributo versato all’UE e come si stesse già pensando ad un sistema di riduzione del flusso di migranti con aiuti mirati ai Paesi di provenienza. La differenza sostanziale tra la politica di Renzi e quella di Salvini sta però sulla chiusura dei porti: il PD non ha mai negato lo sbarco di una Ong o di una nave della militare né italiana né estera perché ha messo sempre al primo posto la salvaguardia della salute delle persone che effettuano il viaggio della speranza. Allo stesso modo non si è mai esposto contro i salvataggi in mare, né ha impedito alle navi italiane di intervenire in caso di naufragi in acque internazionali qualora l’intervento potesse essere decisivo per salvare le vite dei naufraghi, infatti nel discorso di cui sopra questo emerge chiaramente: “Non siamo contro i salvataggi in mare, anzi vogliamo che nessuno perda la vita in quelle condizioni”.