CONDIVIDI
Serle
(Websource)

Serle, bambina scomparsa: svolta nelle indagini, si riaccende la speranza. 

Si torna finalmente a parlare di Serle e del caso della piccola Iushra, la bambina di 12 anni affetta da autismo scomparsa nei boschi della zona mentre si trovava in gita. Il padre e la sua famiglia non si sono mai dati per vinti e hanno chiesto a gran voce che non si fermassero le ricerche, che la speranza di ritrovare la piccola non fosse messa da parte a favore di una rassegnazione drammatica e amara, dal forte sapore di sconfitta per tutti.

Leggi anche –> Serle, bambina scomparsa: sottovalutato il rischio di fuga delle persone autistiche

Oggi è arrivata una svolta importante. Infatti le ricerche che si erano interrotte ufficialmente lo scorso 29 luglio (anche se poi qualche volontario e il padre stesso avevano continuato in autonomia a cercare la bambina) sono riprese. Secondo molti osservatori potrebbe essere il segnale di qualche novità nelle indagini che possa aver dato il via ad ulteriori ricerche magari con un obiettivo ben preciso a livello di zona e punti in cui cercare. Al momento non ci sono spiegazioni ufficiali ma quel che conta e che è certo è che le ricerche siano ripartite.

Leggi anche –> Serle, bambina scomparsa: il padre vuole ritrovarla, un appello disperato

Al momento viene dunque messa nuovamente da parte l’ipotesi del rapimento e torna in auge quella della caduta in qualche grotta o buca del terreno nonostante tutto sia stato setacciato palmo a palmo con l’aiuto anche di cani molecolari e delle ultime tecnologie disponibili.