CONDIVIDI
Serle
La piccola Iushra (Web)

La piccola Iushra è ormai scomparsa a Serle da 15 giorni ed ora che le ricerche sono terminate il padre lancia un appello disperato.

La bambina scomparsa sull’altopiano di Serle non è stata ritrovata e, dopo 15 giorni, è improbabile che la bambina sia sopravvissuta alle intemperie ed al freddo altopiano. Le ricerche, purtroppo, si sono concluse e l’enorme spiegamento di uomini e mezzi utilizzati nelle indagini ha iniziato a disgregarsi allontanandosi dall’altopiano. Il disperato papà della bambina aveva già lanciato moltissimi appelli alla popolazione ed alle autorità: “L’hanno cercata tanto e bene, Iushra non è qui. Io però la voglio riabbracciare e riportare a casa. Chiedo a tutti nei paesi attorno, se la dovessero incontrare, di chiamare subito il 112”, ma nulla era cambiato. Eppure, Mohamed Liton Gazi, è ancora impegnato a cercare e lancia un nuovo appello per non perdere la speranza.

Leggi anche –> Serle, bambina scomparsa nel nulla: spunta l’ipotesi del rapimento

L’appello del papà di Iushra, scomparsa a Serle, per le autorità

Il padre della bambina scomparsa a Serle non è ancora disposto a rinunciare e, nonostante le autorità abbiano indicato chiaramente la data della fine delle ricerche, chiede un’ulteriore delazione nella speranza di riabbracciare la figlia: “Chiedo alle autorità di non sospendere le ricerche di indagare sull’accaduto e accertare eventuali responsabilità”. Nella frase dell’uomo oltre alla speranza traspare anche l’ipotesi del  ‘caso peggiore’ ma comunque l’uomo non vuole assolutamente lasciar andare il caso. Vuole ritrovarla anche solamente per darle la degna sepoltura che Iushra merita, come da lui stesso dichiarato qualche giorno fa, ma senza l’aiuto delle autorità questo gli appare impossibile. Attivo nelle ricerche in prima persona, Mohamed Liton Gazi aveva ipotizzato la possibilità che Iushra fosse stata rapita e si rivolge anche a degli ipotetici suoi carcerieri: “Se qualcuno l’avesse rapita per favore rilasciatela, riportatela”. La bambina si è, infatti, persa orami 15 giorni fa e, dopo un tale spiegamento di forze, appare quasi impossibile che neanche il corpo senza vita della bambina sia stato ritrovato. Gli stessi inquirenti avevano riferito “Sembra svanita nel nulla”, ed avvallato la possibilità del rapimento ma il prefetto Annunziato Vardè non ha potuto far altro che procedere alla smobilitazione di tutto l’apparato istituito per le ricerche: “Abbiamo fatto uno sforzo immane, perlustrato l’area interamente, senza esito. La delusione è palpabile e comprensibile”, ha dichiarato il prefetto.

Marta Colanera