CONDIVIDI
Parco della Reggia di Caserta, Fontana di Eolo (iStock)

E‘ stato fermato il turista tedesco che si è tuffato nudo nella Peschiera della Reggia di Caserta

Un giovane turista tedesco in visita alla Reggia di Caserta ieri pomeriggio si è spogliato nudo e tuffato nella peschiera grande davanti agli sguardi attoniti dei tanti visitatori degli immensi giardini. In tanti oltre a riprendere la scena con il telefonino hanno avvertito la polizia a cavallo presente di guardia nella Reggia.

Le forze dell’ordine hanno fermato e denunciato per atti osceni in luogo pubblico il 25enne tedesco in viaggio in Italia con un amico. Il ragazzo portato in Questura si è giustificato dicendo che visto il gran caldo aveva bisogno di rinfrescarsi.

Leggi anche -> Reggia di Caserta: un video ne celebra la bellezza

Ma in questi giorni di gran caldo sono molti i turisti che in barba alla civiltà si tuffano nelle nostre fontane o come accade a Venezia prendono il Canal Grande come una piscina (nella migliore delle ipotesi). Ha spopolato un video in cui un gondoliere della città lagunare ha fatto la reprimenda a due turisti che si rinfrescavano i piedi e si sciacquavano sul Canal Grande.

Turisti maleducati: quali sono i peggiori

Le generalizzazioni sono sempre sbagliate, ma è indubbio che ci siano alcuni comportamenti propri della cultura di un Paese. Ad esempio sarà difficile vedere dei turisti giapponesi urlare a squarciagola per richiamare l’attenzione di qualcuno, è molto più probabile che a farlo siano dei turisti italiani. Qui trovate la classifica dei turisti più maleducati del mondo (e no, non siamo messi benissimo).

E’ singolare anche vedere come in Italia moltissimi viaggiatori di nazioni civilissime si trasformino in enormi maleducati. La teoria della finestra rotta, ossia che in un posto trasandato e sporco tenderò a sporcare mentre in un posto pulito assumerò un comportamento adeguato, è senz’altro valida, così come il bisogno di trasgressione. Nei Paesi che apprezziamo per la loro civiltà i comportamenti incivili vengono pesantemente multati, così quando si esce dal Paese sanzionatorio si ha voglia di libertà e trasgressione. Ma queste giustificazioni psicologiche del perché questi turisti si comportino così sono importanti fino a un certo punto; è necessario che lo Stato tuteli di più il nostro Patrimonio per non assistere ad atti di maleducazione che danneggiano il nostro tesoro artistico.