CONDIVIDI

Una cascata dal grattacielo? Sì, esiste e si trova nella sorprendente Cina, Paese all’avanguardia che non finisce mai di sorprenderci e dove si inventano sempre nuove diavolerie. Con un pizzico di invidia da parte di noi italiani.

La cascata dal grattacielo è in Cina

Da alcuni anni la Cina guida la crescita mondiale e il suo sviluppo tecnologico. Gli smartphone di ultima generazione vengono fabbricati tutti qui e sul fronte delle nuove tecnologie in genere il Paese è sempre ai primi posti a livello mondiale. Dismessi i panni di grande serbatoio di manodopera a basso costo per le imprese occidentali, la Cina ha visto una forte evoluzione negli ultimi anni, con un netto miglioramento della qualità e dell’offerta dei suoi prodotti, grazie anche ai massicci investimenti in ricerca e sviluppo. Insomma sempre meno produzioni di bassa qualità e più sempre più Paese tecnologico e avanzato. Un cambiamento che ha avuto i suoi effetti anche nella vita quotidiana dei cinesi, con un aumento dei consumi di qualità e il crescere continuo di un’offerta di beni e servizi sempre più sofisticati. Un’evoluzione che si riscontra nell’aspetto delle grandi città, dove hanno iniziato a proliferare negozi di grandi marchi internazionali, boutique di lusso, centri commerciali enormi dove trovare tutte le ultime e migliori novità in fatto tecnologia. Cambiamenti nei consumi e nelle abitudini che hanno influito anche sui divertimenti, con sempre nuove e spettacolari attrazioni che vengono proposte ai cittadini.

Così se siamo in cerca degli ultimi prodotti dell’hi-tech o di attrazioni e giochi nuovi e spettacolari, dobbiamo andare in Cina. Qui si sono addirittura inventati la cascata che scende dal grattacielo. Una meraviglia mozzafiato che si può ammirare nella città di Guiyang, capoluogo della provincia di Guizhou, nel sud-ovest della Cina.

Guiyang conta quasi 5 milioni di abitanti ed è una di quelle grandi città cinesi piene di attrazioni eccezionali, dai modernissimi e sfavillanti grattacieli ai monumenti e quartieri più tradizionali. La provincia di Guizhou, infatti, è una zona della Cina molto antica e ricca di tradizioni, nella quale ammirare numerosi siti storici, che attirano ogni anno migliaia di visitatori da tutto il mondo e che si trovano anche nel suo capoluogo.

Accanto a cultura e monumenti, comunque, Guyiang offre anche attrazioni moderne e per il divertimento. L’ultima è la spettacolare cascata che scende da un grattacielo.

cascata dal grattacielo
Cascata di Guiyang, Cina (@ChinaGlobalTVNetwork/Facebook)

Si tratta della cascata artificiale più alta del mondo e sgorga direttamente dal vetro di un grattacielo da un’altezza di 108 metri, nel quartiere finanziario di Guyiang. La cascata artificiale è stata realizzata dall’azienda privata Guizhou Ludiya Property Management Co. e scende dal grattacielo Liebian, alto complessivamente 121 metri, dove la stessa azienda ha i suoi uffici e al cui interno sono ospitati un hotel, un centro commerciale e altri uffici.

cascata dal grattacielo
Cascata di Guiyang, Cina (@ChinaGlobalTVNetwork/Facebook)

Lo spettacolo dell’acqua che scende dal grattacielo, percorrendo quasi interamente la sua altezza ha fatto diventare questo luogo una vera e propria attrazione turistica. La cascata dal grattacielo è una autentica meraviglia urbana, ma il suo costo è piuttosto elevato, per alimentarla, infatti, occorre un notevole flusso d’acqua gestito da un impianto elettrico che consuma 800 Yuan di energia elettrica ogni ora, l’equivalente di cento euro. L’acqua che scende dal grattacielo viene poi raccolta in un grande contenitore ai suoi piedi, all’interno del quale l’acqua è conservata per essere riutilizzata per un altro giro di cascata. Per la preparare la cascata, pompando acqua fino all’altezza di 108 metri, occorrono 2 ore di tempo e 185 kilowatt di potenza. Non sorprende dunque il costo della bolletta

La durata e il costo per il funzionamento delle cascata fanno sì che non sia sempre in funzione, ma venga attivata solo per occasioni speciali. Informatevi quando è attiva perché vederla dal vivo deve essere una vera e propria magia.

Leggi anche:

A cura di Valeria Bellagamba