CONDIVIDI
(GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)

Previsioni meteo per la prossima settimana di luglio 2018: bomba di calore dall’Africa, poi ciclone islandese

La caratteristica principale dell’estate 2018 si sta rivelando sempre più smaccatamente essere quella dell‘instabilità e dell’alternanza. Come più volte espresso dagli esperti del meteo l’Alta Pressione non riesce ad imporsi, così le correnti perturbate riescono ad infilarsi portando maltempo. A ciò si aggiunge l’Anticiclone Africano che ciclicamente si espande riuscendo ad arrivare fino da noi.

Il prossimo weekend sarà particolarmente esemplificativo di quello che è l‘estate 2018. Passeremo infatti nel giro di appena un giorno dal caldo torrido della bomba di calore proveniente dall’africa al fresco e alle piogge di una perturbazione scandinava. Nella settimana che sta per iniziare assisteremo ad una riduzione delle temperature che difficilmente supereranno i 30 gradi di massima e al Nord si avranno anche parecchie piogge. Poi da venerdì però cambierà tutto.

Leggi anche -> Estate 2018: i periodi più caldi di luglio, agosto e settembre

Leggi anche -> Estate 2018, il vero caldo inizia a settembre

Ondata di calore: temperature record il 14 luglio 2018

Dopo una settimana piacevole al Centro e al Sud, più instabile al Nord, da venerdì 13 inizierà a soffiare sull’Italia aria calda africana. L’anticiclone subsahariano si allargherà coinvolgendo tutta la nostra Penisola e la colonnina di mercurio salirà vertiginosamente. Giovedì 12 a Roma sono attesi 29 gradi, venerdì 13 i gradi saranno 34 e sabato 36. Un aumento di 7/8 gradi che si farà sentire parecchio anche per via dell’afa.

Sabato 14 luglio avremo il picco massimo del calore con record di temperature in Sardegna e in Sicilia: nelle zone interne non si farà fatica a toccare i 45 gradi, altrove sul resto delle due isole si sfioreranno i 39/40 gradi. A rendere tutto ancor meno sopportabile sarà l’afa: l’aria secca del deserto si caricherà infatti di umidità nel suo tragitto sul Mediterraneo. Ma non solo il Sud soffrirà il caldo: sono attesi 37 gradi a Bologna, Firenze e Pescara, 36 a Roma, 34 in Veneto, 33 a Milano e Torino.

Ma dopo questa ondata bollente, già domenica 15 luglio ci sarà una netta inversione di rotta. Una Bassa Pressione proveniente dall’Islanda entrerà in Italia dalla Valle del Rodano portando temporali e grandinate al Centro- Nord, ma specialmente su Piemonte e Lombardia, poi progressivamente su Liguria, Emilia Romagna e Toscana. Nel corso della giornata di lunedì 16 luglio il maltempo interesserà anche tutto il Centro, mentre al Sud, soprattutto sulle isole, il caldo continuerà seppure leggermente attenuato.