CONDIVIDI
Imprese e liberi professionisti, tutte le scadenze fiscali di lunedì
(Websource)

Il prossimo lunedì ci sono le prime scadenze fiscali di questa estate per le imprese ed i liberi professionisti che vale per le casse del fisco una cifra pari a 19,2 miliardi di euro.

Lunedì 2 luglio è il giorno delle prime scadenze fiscali di questo 2018, in realtà il termine era stato fissato per l’ultimo giorno di giugno (ovvero oggi) ma trattandosi di un sabato è stata concessa una proroga di due giorni affinché cadesse nel primo giorno feriale disponibile, coincidenza che ha regalato ai contribuenti 48 ore in più per racimolare il dovuto. Sia per le imprese che per i liberi professionisti si tratta di coprire il saldo del 2017 e fornire l’acconto per il 2018. Se gli imprenditori devono versare l‘Ires, lavoratori autonomi ed altri percettori di reddito dovranno invece versare l’Irpef più le addizionali regionali e comunali Irpef. Gli imprenditori, inoltre, dovranno versare l’Irap e l’iscrizione alla Camera di Commercio per il 2018.

Forse vi interessa anche -> Spesometro, Fisco: entro il 6 aprile presentato il piano per il secondo semestre

Imprese e liberi professionisti, tutte le scadenze fiscali 

Nel caso in cui non doveste riuscire a corrispondere l’importo dovuto entro il limite imposto dalla legge, quest’anno sia gli imprenditori che i liberi professionisti hanno la possibilità di mettersi in regola entro il 20 agosto con una maggiorazione dello 0,40%. I contribuenti che si trovassero costretti a pagare in ritardo dovranno aggiungere 4 euro ogni 1000 di tasse dovute.

Vi ricordiamo inoltre che quella di lunedì è la prima tranche delle tasse che imprenditori e liberi professionisti devono versare al fisco nel corso dell’anno, la seconda tassa, infatti, è prevista per il prossimo novembre e corrisponde alla metà dei contributi dovuti nel corso dell’intero anno fiscale che varia in base alla dichiarazione dei redditi previamente fornita. In molti lamentano il fatto che la suddivisione delle tasse sia effettuata in sole due rate, questo infatti fa sì che i contribuenti debbano pagare ingenti somme di denaro, mentre ulteriori dilazioni permetterebbero loro di pagare più agevolmente.

Forse vi interessa anche -> Flat tax per imprese e famiglia, come funziona