CONDIVIDI
borgo più bello d'Italia 2018
Venzone, Friuli Venezia Giulia, borgo più bello d’Italia 2017 (iStock)

Il Borgo più bello d’Italia 2018: il concorso il Borgo dei Borghi. Il giorno di Pasqua la premiazione alla trasmissione il Kilimangiaro.

Tra pochissimi giorni conosceremo il nome del Borgo più bello d’Italia 2018, nell’ambito del concorso Borgo dei Borghi. La proclamazione avverrà nel corso della trasmissione il Kilimangiaro, su Rai3, che per l’occasione andrà in onda in prima serata il 1° aprile, la domenica di Pasqua. Il borgo più bello verrà eletto con il voto dei telespettatori e di una giuria di esperti da una selezione di 20 borghi italiani, uno per ogni regione.

Nel 2017 il titolo di Borgo più bello d’Italia se lo aggiudicò Venzone, in Friuli Venezia Giulia. Mentre nel 2016 vinse Sambuca di Sicilia. Chi sarà il vincitore di quest’anno? Non resta che guardare la trasmissione il Kilimangiaro domenica 1° aprile alla sera.

Nel frattempo scopriamo insieme in candidati la prestigioso titolo di quest’anno.

Il Borgo più bello d’Italia 2018: i candidati

Ecco i 20 borghi d’Italia, uno per regione, candidati a diventare il Borgo più bello d’Italia 2018 nell’ambito del concorso il Borgo dei Borghi promosso dal Kilimangiaro, il programma di viaggi di Rai3, condotto da Camila Raznovich, che per questa premiazione speciale andrà in onda eccezionalmente in prima serata, domenica 1° aprile. I candidati.

Altomonte, Calabria

Santa Maria della Consolazione, Altomonte (Giuliano Guido, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

Arnad, Valle d’Aosta

Arnad (Patafisik, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Bagnoli del Trigno, Molise

Chiesa di San Silvestro, Bagnoli del Trigno (Maredovir, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Barolo, Piemonte

Barolo (Andrea Marchisio Frukko, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Bevagna, Umbria

Bevagna, Piazza Silvestri (robric77, iStock)

Bobbio, Emilia Romagna

Bobbio, Ponte Vecchio (Alessandro Vecchio, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Castroreale, Sicilia

Castroreale (Gasp48, Wikipedia, pubblico dominio)

Chiusdino, Toscana

Mulino delle Pile, Chiusdino (Stefano Mazzone, CC BY 2.0, Wikicommons)

Furore, Campania

Furore, paese (iStock)

Gradara, Marche

Il castello e il borgo di Gradara (Wikipedia, Pubblico Dominio)

Monte Isola, Lombardia

Monte Isola, frazione di Carzano, Lago d’Iseo (Foto di Jon Shave. Licenza CC BY 2.0 via Wikimedia Commons)

Noli, Liguria

Noli (florinux, CC BY 3.0, lorinux, CC BY 3.0, Wikicommons)

Pescocostanzo, Abruzzo

Pescocostanzo, Piazza del Comune (Lorenzo Testa, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Rodi Garganico, Puglia

Rodi Garganico (iStock)

San Giorgio di Valpolicella, Veneto

San Giorgio di Valpolicella (CC BY-SA 2.0, Wikicommons)

Sermoneta, Lazio

Sermoneta, Scalinata del Belvedere (Pensierolaterale, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Sesto al Reghena, Friuli Venezia Giulia

Sesto al Reghena (Ziegler175, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Stintino, Sardegna

Stintino, porto (iStock)

Tursi, Basilicata

Tursi (Leandro Domenico, CC BY 3.0, Wikicommons)

Vigo di Fassa, Trentino Alto Adige

Vigo di Fassa (iStock)

I borghi d’Italia sono straordinari e unici. Un patrimonio paesaggistico, storico e artistico unico, che ci invidiano in tutto il mondo. Ora molti potranno essere visitati viaggiando in treno, grazie ad un accordo tra l’Associazione Borghi più belli d’Italia e Trenitalia con la firma di un accordo per ampliare i collegamenti in treno. Vi ricordiamo i borghi diventati Bandiere Arancioni 2018. Ricordiamo, poi, i borghi più belli d’Italia da visitare assolutamente. Infine vi segnaliamo il progetto per promuovere il turismo nei piccoli borghi italiani.

A cura di Valeria Bellagamba