Hotel, sapete dove finiscono le saponette usate?

saponette dell'hotel
Ecco dove finiscono le saponette

Ogni volta che prendiamo possesso della nostra camera d’hotel controlliamo con attenzione che tutto sia in ordine e pulito. Soprattutto dopo aver letto quali sono gli oggetti più sporchi in un albergo è bene fare attenzione a dove si mettono le mani. E anche per via dei segreti che ogni tanto le cameriere d’hotel confidano è bene muoversi con circospezione prima di lasciarsi andare ad un meritato relax. E chi non si rilassa mai ha perfino messo una videocamera per vedere cosa fa una cameriera d’hotel in sua assenza (qui il video).

Ovviamente uno dei punti focali di quando si controlla la propria camera d’albergo è il bagno. Esso deve essere pulito, scintillante e deve offrire tutti i comfort: dalle ciabattine, ai saponi, agli asciugamani, al phon. Ovviamente qui molta differenza la fa la categoria dell’hotel. Se avete la possibilità di alloggiare in uno dei 6 hotel 7 stelle al mondo (di cui sono in Italia) nella toilette troverete molto di più del necessario e sicuramente non dovete ispezionare nulla per verificarne la pulizia: è già tutto scintillante.

Ma indipendentemente da dove alloggiate – sia un hotel di lusso o il più brutto del mondo (che esiste davvero e si fa anche pubblicità) o uno dei più stravaganti – c’è qualcosa che accomuna tutti gli hotel e troverete ovunque: la saponetta. Quando arriviamo facciamo bene attenzione che la piccola saponetta sia chiusa nella sua bustina. La usiamo e ci aspettiamo che il giorno seguente venga sostituita con una nuova. Ma ci siamo mai chiesti che fine fa quella saponetta? E avete idea di quante milioni di saponette vengono usate tutti i giorni negli hotel?

Le saponette degli hotel: una nuova idea

Ma che fine fanno le saponette degli hotel? Utilizzate magari una volta soltanto? Fanno la fine che in molti di voi sospettavano: vengono buttate. Uno spreco enorme: circa 5 milioni di saponette al giorno finiscono nella pattumiera. Un dato allarmante, ma che certo non stupisce visto il consumismo crescente, vista l’epoca dell’usa e getta in cui viviamo. Ma a qualcuno è sembrato davvero uno spreco eccessivo vedere tutto quel sapone nella spazzatura.

Shawn Seipler frequenta spesso gli hotel e si è incuriosito della vicenda delle saponette. Si è chiesto dove finissero tutte quelle saponette usate e una volta scoperto ha avuto un’idea che potrebbe rivoluzionare la vita di milioni di persone. Seipler ha messo su l’azienda Clean the World che ricicla le saponette usate negli hotel. Il sapone viene sciolto e usato per riconfezionare nuove saponette destinate alle popolazioni indigenti dei Paesi Africani.  Lo stesso riciclo avviene per le bottigliette di shampoo e bagnoschiuma. Gli hotel sempre più numerosi stanno aderendo a questa iniziativa destinando una piccola quota per ogni stanza.

 

 

Previous articleTatuaggi all’hennè in vacanza, l’allarme: sono pericolosi
Next articleTrasforma un furgone in una casa e ora gira il mondo con il suo cane
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.