ViaggiNews

Guida dell’Elba: come arrivare sull’isola

sabato, 13 maggio 2017

Spiaggia di Sansone, Portoferraio, Elba (iStock)

Per la vostra vacanza sull’isola d’Elba, dopo avervi proposto le spiagge più belle, vi diamo le informazioni su come raggiungere l’isola. Tutto quello che vi serve conoscere per il vostro viaggio. Per una vacanza indimenticabile su questa splendida isola del Mediterraneo, la più grande dell’Arcipelago Toscano.

Guida dell’Elba: come raggiungerla

L’isola d’Elba è un autentico spettacolo. Offre un suggestivo ambiente naturale di montagne e colline, con una costa frastagliata dove si aprono baie e calette, porticcioli turistici e borghi deliziosi. L’isola offre una gran varietà di spiagge, da quelle di sabbia morbida e dorata a quelle di ciottoli bianchi levigati. Il mare, neanche a dirlo, è meraviglioso, con acque limpide e cristalline, dai colori che vanno dal turchese, all’azzurro, al blu cobalto e smeraldo. L’Elba è molto attrezzata, qui trovate alberghi, case vacanza, b&b, numerosi campeggi, stabilimenti balneari, bar e ristorantini sulla spiaggia, una vasta offerta di locali notturni. Sull’isola si trovano diversi centri abitati e vari servizi per soddisfare tutte le esigenze, da un turismo più libero e selvaggio, come quello in camper o in tenda, ad uno più comodo, come in hotel o villaggio. Spiagge e località, tutte bellissime, hanno caratteristiche differenti. L’isola non è troppo grande per essere visitata tutta durante una vacanza.

Guida dell’Elba: arrivare in traghetto

L’isola d’Elba si raggiunge con il traghetto in partenza dal porto di Piombino. I traghetti sbarcano a Portoferraio, principale porto dell’Elba, Rio Marina e Cavo. Il viaggio da Piombino Marittima a Portoferraio dura circa 1 ora e un quarto. Le compagnie di navigazione che gestiscono i collegamenti sono quattro: Toremar, Moby Lines, Blu Navy e Corsica-Sardinia Ferries. In estate ci sono numerose corse giornaliere. Inoltre, durante l’estate la Corsica-Sardinia Ferries effettua collegamenti anche sulla tratta da Portoferraio a Bastia, in Corsica. Il viaggio 1 ora e 30 minuti.

Scegliendo i giorni infrasettimanali si può risparmiare sul costo del biglietto del traghetto.

Arrivare a Piombino Marittima

Per arrivare a Piombino Marittima, dove partono i traghetti per l’Elba, si può prendere il treno o l’autobus.
I treni, provenienti sia da Nord che da Sud, arrivano direttamente alla stazione di Piombino Marittima, situata davanti agli imbarchi dei traghetti. Si consultino gli orari dei treni facendo attenzione ad inserire come destinazione Piombino Marittima (e non Piombino):
Al porto di Piombino fermano anche gli autobus a lunga percorrenza da Firenze e Milano. Da Firenze a Piombino Marittima il viaggio dura 2 ore e mezza, con partenza alle 10.00 del mattino. Da Milano (partenza dal Terminal bus MM1 Lampugnano, con diverse fermate lungo il percorso) il viaggio dura 5-6 ore, la partenza è alle 7.15 del mattino.

Per chi imbarca sul traghetto un veicolo a GPL, ricordiamo che per salire sulla nave l’impianto a gas deve essere spento e che sull’isola d’Elba non ci sono distributori GPL.

Per chi viaggia in camper, ricordiamo che l’isola d’Elba è un’area naturale protetta e la sosta libera non è consentita, ci si può fermare solo in campeggio o nelle piazzole appositamente adibite dai comuni. Conviene dunque organizzare il viaggio per tempo, per evitare brutte sorprese. Sarà comunque un’esperienza bellissima, poter girare l’isola in libertà e ammirare i suoi straordinari paesaggi sul mare. La primavera, poi, è la stagione ideale per andare all’Elba in camper, perché nel periodo di massimo affollamento, in estate, molti luoghi sono interdetti all’accesso dei camper.

Guida dell’Elba: arrivare in aereo

L’isola d’Elba è dotata anche di un aeroporto, in località La Pila, a 2 km da Marina di Campo. Lo scalo è collegato con diversi aeroporti italiani e svizzeri: Pisa, Firenze, Milano Linate, Berna, Lugano, Zurigo, Sion, Les Eplatures (vicino Neuchatel)

Una volta giunti sull’isola, si possono noleggiare auto e scooter per muoversi liberamente.

Guida dell’Elba: video

Tags:

Altri Articoli Interessanti: