Home News Previsioni meteo, le piogge non sono finite: ecco cosa ci aspetta

Previsioni meteo, le piogge non sono finite: ecco cosa ci aspetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:23
CONDIVIDI
IstockPhotos
IstockPhotos

Dopo giorni di intense piogge e perfino nubifragi il clima si è decisamente ristabilito per questa domenica di metà ottobre. La perturbazione atlantica che ha flagellato l’Italia la scorsa settimana ha lasciato il nostro Paese e l’Alta Pressione può farsi spazio, recuperare terreno e portare così ovunque un netto miglioramento delle condizioni meteo.

Qualche isolato temporale lo avremo sul Salento e sulla zona di Taranto a causa del passaggio del vortice perturbato che si sta muovendo verso i Balcani. Ma a parte questo isolato fenomeno, ovunque tempo asciutto e soprattutto temperature in netto rialzo, con massime che raggiungeranno valori quasi primaverili, mentre i valori minimi si manterranno di qualche grado sotto la media specie al Nord.

Ma questo ottobre è un mese particolarmente instabile e questa alta pressione avrà vita breve sul nostro Paese. Da martedì 18 infatti venti atlantici soffieranno sulla Penisola consentendo l’arrivo di una nuova Bassa pressione che farà nuovamente peggiorare il tempo. Inizialmente avremo qualche pioggia al Nord e sulle regioni centrali, poi da mercoledì il maltempo riguarderà segnatamente il Nord Est, ma già da giovedì la perturbazione si sposterà verso il Centro-Sud con temporali diffusi e nella giornata di venerdì sono attesi nubifragi.

Insomma, anche la settimana che sta per entrare sarà all’insegna della pioggia. Ma per il prossimo weekend il tempo dovrebbe migliorare. La buona notizia è che nonostante le piogge le temperature si attesteranno su valori tipici del periodo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteWi-fi negli aeroporti: la mappa da sogno per tutti i viaggiatori
Articolo successivoMete di viaggio: le località bellissime, ma poco conosciute
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.