Home News Meteo ponte del 2 giugno: ecco cosa ci aspetta

Meteo ponte del 2 giugno: ecco cosa ci aspetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57
CONDIVIDI
@viagginews.com
@viagginews.com

Dopo la sfuriata della bassa pressione l’Italia sta per essere conquistata da mercoledì 25 dall’anticiclone Ugolino il quale assicurerà bel tempo sulla nostra Penisola con temperature che sfioreranno addirittura i 37 gradi (qui le zone maggiormente interessate). Si prevedono quindi giornate tipicamente estive che ci porteranno a fare delle fughe al mare per la prima tintarella della stagione.

La domanda per molti è quindi se anche il lungo ponte del 2 giugno sarà all’insegna del bel tempo. E qui c’è il tasto dolente, almeno per una parte della nostra Italia, perché a quanto pare una perturbazione interesserà il nostro Paese proprio per il ponte del 2 giugno portando temporali e facendo calare le temperature.

Le zone interessate dal maltempo saranno le regioni nord occidentali, la pianura padana e la fascia appenninica. I primi peggioramenti del tempo li avremo a partire dal 29 maggio quando arriveranno delle precipitazioni su tutto il settentrione e su parte del centro. Nei giorni a seguire l’instabilità in arrivo dall’Atlantico continuerà a flagellare il Nord e la Toscana con frequenti temporali, mentre al Sud e sul restante Centro l’Alta Pressione sarà dominante impedendo al maltempo di insinuarsi.

Insomma, per il ponte del 2 giugno l’Italia sarà divisa e se state programmando una vacanza è bene che scegliate una località dove il sole sia garantito o quasi.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’incredibile proposta: offre una vacanza di sei mesi ai Caraibi in cambio di…
Articolo successivoNuovo sciopero dei treni il 24 e 25 maggio
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.