Previsioni meteo, arriva Panta-Rei: rischio nubifragi

meteo piogge

Gli esperti meteo sono convinti che in questa settimana che è appena entrata e nell’inizio della prossima ci metteremo a pari con il quantitativo di pioggia. Ossia tutta quella che non è caduta nell’ultimo mese cadrà in questi dieci giorni, tanto che hanno rinominato questo periodo ‘Panta Rei’, ossia tutto scorre.

La perturbazione che domenica è arrivata sull’Italia è di origine nord-atlantica ed ha innescato correnti instabili capaci di creare dei centri depressionari e che interesseranno la nostra Penisola. Il secondo vortice martedì- mercoledì e l’ultimo il 12 e nel weekend.

Ilmeteo.it rivela che la perturbazione di metà settimana riguarderà prevalentemente le regioni del Nord con nuvolosità intensa altrove e vento molti forti. Poi da venerdì 12 una nuova perturbazione interesserà il Centro Sud e nel weekend ancora maltempo su tutta Italia.

Allerta meteo della protezione civile è stata lanciata per l rischio nubifragi in Liguria, alta Toscana, Campania, Lazio meridionale e settori prealpini di Veneto, Lombardia e Friuli Venezia Giulia. Tanta anche la neve che in questi giorni cadrà copiosa a quota 800/1000 sulle Alpi e sopra i 1200 metri sugli Appennini. Quote in calo al Nord da mercoledì con neve fin sopra i 500 metri. Come dicevamo forti venti spazzeranno la penisola: Maestrale, Libeccio e Scirocco.

Arriverà poi la Primavera. Prima di un’altra ondata di maltempo questa volta anche con temperature rigide che investirà l’Italia a fine mese e ad inizio marzo, avremo una piccola parentesi primaverile: con l’Alta Pressione che porterà temperature miti e sole.

Previous articleEcco l’Hotel più romantico d’Italia
Next articleViaggi di nozze: quattro mete per una luna di miele da sogno
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.