Londra bagni pubblici trasformati: guardate cosa sono diventati

crystal7Londra bagni pubblici fatiscenti trasformati in una casa di design. Possibile? A quanto pare sì, è possibile. O almeno l’architetto Laura Clark dello studio Lamp Architects, ci è riuscita in maniera sorprendente. La giovane professionista ha deciso di prendere le toilets londinesi sotto il Crystal Palace Parade costruiti nel 1929 e dismessi nel 1980 e versanti in uno stato di completo abbandono e ristrutturali completamente creando un appartamento con camera, cucina, bagno e un giardino sotterraneo. La spesa è stata piuttosto esigua visti gli importanti lavori: poco più di 80 mila euro.

“Ho sempre amato l’idea di micro-rigenerazione – ha spiegato Laura Clark  – Per me significa ridare vita a tutti quegli spazi e luoghi abbandonati che conservano in sé una storia interessante”. La rigenerazione di luoghi abbandonati è una pratica sempre più in voga negli studi di design. A Parigi uno studio di architettura ha ridato vita ed ha trasformato una stanza lavatoio minuscola e abbandonata facendola diventare una mini casa dotata di tutti i comfort. Altro versante su cui i designer lavorano molto è la versatilità degli spazi. Mirabili esempi sono proprio la casa francese, un  loft di New York (8 stanze in 37 metri quadri) ed una minuscola, graziosa e carissima casa londinese.

 

 

 

 

 

Previous articleStelle cadenti di Dicembre: ecco quando vederle
Next articleEcco in quale mese conviene organizzare un viaggio
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.