News | Profezia Maya: la fine del mondo non sarà nel 2012

NEWS PROFEZIA MAYA FINE DEL MONDO 2012 / ROMA – Ora possiamo tirare tutti un sospiro di sollievo: la fine del mondo profetizzata dai Maya non sarà fra un anno, ossia nel 2012, bensì nel lontanissimo 2116! Quindi tutti coloro che avanzano la fine del mondo come scusante per libertinaggi vari devo ravvedersi. I fratelli tedeschi Bohm, uno matematico l’altro docente di storia e cultura Maya, si sono messi a studiare le antiche scritture Maya ed hanno trovato un errore nei calcoli dell’archeologo John Eric Sidney Thompson che per primo svelò l’angosciante profezia della civiltà precolombiana. Lo studio, pubblicato dalla rivista scientifica Astronomische Nachrichten, analizza i calendari del popolo Maya (ne avevano più d’uno) e li raffronta con il nostro: confrontando dati e avvenimenti i Bohm hanno scoperto una lunga interruzione nel calendario Maya, non considerata da Thompson, che fa slittare la profezia di più di cento anni. Sebbene qualcuno interpreti la divinazione in senso positivo, ovvero come l’inizio di una nuova era e non come la fine di tutto, conforta sapere che non lo scopriremo fra un anno il vero significato della profezia.

Previous articleNews| Mostra: Roma, al Maxxi “Inquadrare il moderno”
Next articleNews | L’Australia e i surfers salva-vita
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.