ViaggiNews

Isole della Grecia: la guida di Folegandros

giovedì, 13 luglio 2017

isole della grecia

Folegandros, Cicladi (iStock)ù

Nella nostra rassegna sulla Grecia vi abbiamo portato alla scoperta di luoghi meravigliosi. Città e siti archeologici, spiagge e montagne, borghi marinari, chiesette e monasteri ortodossi. La Grecia ha un territorio antico e affascinante, da vedere, sia nella parte continentale che negli arcipelaghi con le loro numerosissime isole e isolette. Vi abbiamo portato alla scoperta delle Isole Cicladi, vi abbiamo fatto conoscere le isole meno turistiche e originali. Ora continuiamo con le nostre guide sulle singole isole e qui vi portiamo alla scoperta di Folegandros, piccola isola dell’arcipelago delle Cicladi.

Isole della Grecia: alla scoperta di Folegandros

Una nuova guida di una delle tantissime isole greche del Mar Egeo. Con i suoi infiniti arcipelaghi la Grecia offre scenari incredibili, tutti bellissimi e diversi. Le isole dell’arcipelago delle Cicladi hanno molti elementi in comune, ma ognuna ha le sue caratteristiche che la rendono unica. E assolutamente meritevole di essere visitata. Ci vorrebbe un’intera estate per andare da un’isola all’altra dell’arcipelago e visitarle tutte, da quelle più famose e mondane a quelle più appartate e tranquille, da quelle più grandi con parecchi chilometri di costa a quelle più piccole e raccolte. Tutte a loro modo sono spettacolari e oltre alle bellezze naturali offrono un patrimonio storico e culturale eccezionale. Qui vi portiamo sulla piccola isola di Folegandros, vicina ad altre isole più famose dell’arcipelago.

Folegandros, Policandro in italiano, è un’isola che appartiene alle Cicladi meridionali. Si trova vicina a Sikinos, situata a est, con l’isoletta di Kardiotissa in mezzo alle due. A sud est c’è Santorini e a nord ovest Milos con le isolette di Kimolos e Poliegos (Polyaigos). Folegandros ha una superficie di poco più di 32 km², ci cui 14,5 km di lunghezza e fino ad un massimo di 4 km di larghezza, si può dunque visitare facilmente a piedi. L’isola ha una forma allungata, con un restringimento al centro. Come le altre Cicladi è montuosa e collinare, con coste rocciose e frastagliate dove si aprono piccole baie con spiagge. La cima più alta è a 445 metri sul mare.

Porto di Karavostasis, Folegandros (Arnaud Malon, CC BY 2.0, Wikicommons)

Il capoluogo, come in molte altre isole greche, ha lo stesso nome dell’isola, Folegandros o Chora. Gli altri centri abitati sono Karavostasis, o Karavostasi, dove si trova il porto principale, e Ano Meria, o Pano Meria. Invece, Agkali è un piccolo insediamento con edifici e strutture ricettive per il turismo affacciato sulla costa sud-ovest. Folegandros è attraversata da nord a sud da una strada principale, spostata verso il versante est, alla quale si aggiungono strade secondarie e sentieri sterrati, in un territorio selvaggio.

Il capoluogo dell’isola, Chora, è un antico borgo di casette bianche risalenti al 1.200, sorge su un altopiano brullo con una rupe a picco sul mare e si sviluppa attorno all’antico Kastro veneziano. Il panorama qui è spettacolare. Le casette bianche contrastano con la terra arsa e bruciata e si spingono fin sul ciglio della rupe, offrendo una vista mozzafiato sullo strapiombo e il mare blu sottostante.A Chora sono bandite le auto, del resto le stradine del villaggio sono molto strette, dove si affacciano i balconi in legno blu pieni di fiori, tipici delle Cicladi, mentre le piazzette ombrose sono occupate dai tavolini tipici delle taverne tradizionali. Un luogo incantevole. Appena fuori il centro abitato, su un’altura lungo la costa sorge il monastero con la chiesetta di Moni Panagia, un santuario che si raggiunge a piedi salendo per un sentiero a tornanti che si arrampica sulla collina. Dalla terrazza del santuario si ammira un panorama eccezionale su Chora e su entrambe le coste e su tutta l’isola di Folegandros. Un altro punto panoramico, dalla parte opposta, è la chiesa di Agios Savvas.

Più a nord, nell’entroterra, ma sempre con una bellissima vista sul mare, sorge il villaggio rurale di Ano Meria, dove si trova un ambiente molto tradizionale e semplice. La caratteristica qui è la presenza dei numerosi muretti a secco per le coltivazioni. Il paese ospita il Museo del Foclore e sul suo territorio si trovano molte chiesette e cappelle. La chiesa principale di Ano Meria, bianca con cupole azzurre e vista spettacolare sulmare, è quella di San Giorgio (Agios Georgios).

Ano Meria, Folegandros (Zde, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

Anche il porto di Karavostasis è molto caratteristico. Il cuore del minuscolo villaggio si sviluppa sul promontorio roccioso che chiude la baia e da dove si estende il molo per l’attracco dei traghetti. Sulla banchina dove vengono riposte le barchette dei pescatori si affaccia la splendida chiesetta di Agios Artemios.

Folegandros ha una costa lunga 40 km, rocciosa e frastagliata con spiagge e baie raggiungibili per lo più solo a piedi oppure via mare. Posti ideali per chi vuole fare una vacanza in spiaggia all’insegna della tranquillità e della libertà. Troviamo due spiaggette a Karavostasis, una, Chochlidia Beach, affacciata sulla baia del porto, vicina alla chiesetta di Agios Demetrios, e un’altra, Vardia Beach, dalla parte opposta verso il mare. Entrambe spiagge di sassolini, la seconda circondata da rocce grige e rossastre con mare blu scuro, subito profondo. Queste sono le uniche spiagge raggiungibili anche in auto, trovandosi a ridosso del borgo marinaro. A sud di Karovastais segnaliamo le spiagge di Latinaki, Vincentzo, Puntaki, una dietro l’altra sullo stesso litorale, e soprattutto poco più a sud, quella di Livadi, una baia sabbiosa con mare azzurro.

Le spiagge più belle e famose di Folegandros sono comunque quelle di Agkali (o Agali) e Agios Nikolaos. La prima si affaccia su una baia della costa occidentale, dove l’isola si restringe, e ha una spiaggia di sabbia e sassolini bagnata da un mare blu intenso. Gli alberi di tamerici assicurano l’ombra. Nelle vicinanze c’è una taverna, oltre ai residence e alle case in affitto. Nei pressi di Agkali ci trovano le spiaggette di Fira, a sud, con sassi e massi sull’arenile e un fondale trasparente e turchese, e Galifos Beach, piccolissima caletta di sassi, che si raggiunge scendendo una scalinata in pietra, con un mare stupendo, limpidissimo e di colore turchese e smeraldo.

Più a ovest sullo stesso tratto di costa si trova la spiaggia di Agios Nikolaos, una lunga baia di sabbia e sassolini sulla riva, ombreggiata dai tamerici, circondata dalle rocce e bagnata da un mare trasparente, azzurro intenso. La spiaggia prende il nome dall’omonima chiesa che si affaccia sulla baia.

Spiaggia di Agios Nikolaos, Folegandros (WIKicommons)

La parte nord di Folegandros è molto montuosa, tuttavia, vale la pena scendere il sentiero da Ano Meria fino alla spiaggia di Livadaki. Un percorso a piedi di circa un’ora che vi porterà su una incantevole piccola spiaggia, affacciata su una stretta baia. Il tragitto vi regalerà panorami eccezionali. Il sentiero passa lungo i muretti a secco e a ridosso del costone roccioso che scende in mare. Sulla costa nord segnaliamo la baia di Agios Georgios, dove si affacciano l’omonima chiesetta e altri edifici. Una spiaggetta di sassolini e rocce bagnata da un mare trasparentissimo e dal colore turchese e smeraldo. Alla spiaggia si arriva in mare o via terra, collegata ad Ano Meria da una strada. Un’altra spiaggia bellissima e imperdibile è quella di Kàtergo, sulla costa sud. L’arenile è formato da sabbia e sassolini, che si estende sotto un costone roccioso ed è bagnato da un mare meraviglioso, trasparente, con sfumature che vanno dallo smeraldo al blu intenso. La spiaggia si raggiunge solo via mare, con imbarcazioni che partono dal porto di Karavostasis.

Isole della Grecia: come arrivare a Folegandros

Si arriva a Folegandros solo in nave, con il traghetto o l’aliscafo veloce. Il modo più veloce e pratico per raggiungere l’isola è atterrare con l’aereo a Santorini e prendere l’aliscafo veloce per Folegandros, che impiega circa 40 minuti. Oppure si possono prendere gli aliscafi dal Pireo, adibiti anche al trasporto auto, che fanno più tappe lungo le Cicladi. La tratta principale è: Pireo – Serifos – Sifnos – Milos – Folegandros  e ritorno (Sifnos – Serifos – Pireo). In questo caso la traversata dura dalle 4 alle 5 ore.

VIDEO: Isole della Grecia, Folegandros

Tags:

Altri Articoli Interessanti: