È la più bella del mondo: i 5 segreti di Parigi che dovete conoscere

Alla scoperta della più bella del mondo: i 5 segreti di Parigi che dovete conoscere. Tutte le informazioni utili.

Visitare Parigi, forse la città più bella del mondo, è sempre un’esperienza piena di emozioni straordinarie e di estasiata meraviglia. La città si impone in tutta la sua magnificenza e i suoi monumenti, i palazzi, le chiese, i teatri, i ponti, i musei, le gallerie, i giardini e i grandi magazzini hanno un fascino tutto loro, che non ha eguali altrove.

5 segreti parigi
È la più bella del mondo: i 5 segreti di Parigi che dovete conoscere (Notre Dame vista dalla Senna. Adobe Stock)

Se conoscete già bene la città di Parigi, i luoghi che tutti prima o poi vistano, dalla Tour Eiffel alla Cattedrale di Notre Dame, dalla Senna a Montmartre, dal Louvre al Giardino delle Tuileries, per citare solo alcuni esempi, e invece volte scoprire qualcosa di nuovo e insolito. Allora siete nel posto giusto.

Qui vi segnaliamo i 5 segreti di Parigi o meglio i 5 luoghi segreti e poco conosciuti dai turisti della capitale di Francia ma che dovete assolutamente vedere.

È la più bella del mondo: i 5 segreti di Parigi che dovete conoscere

Visitare Parigi non finisce mai di stupire, soprattutto se vi mettete di impegno a cercare quegli angoli che sfuggono al turismo di massa ma che regalano piccole e grandi meraviglie e soprattutto permettono di scoprire l’atmosfera più autentica della città.

Vi portiamo, dunque, alla scoperta dei 5 luoghi segreti di Parigi. Posti sconosciuti ai turisti ma frequentati dai parigini.

La Butte Bergeyre. È uno degli angoli più caratteristici di Parigi e poco conosciuti dai turisti. Si tratta di un piccolo quartiere con un giardino pittoresco che sorge su una collina, vicino al più grande Parco Butte-Chaumont. La Butte Bergeyre offre una stupenda vista panoramica sulla città, soprattutto sulla Basilica del sacro Cuore. All’interno del giardino trovate addirittura un vigneto. Il quartiere si trova nel XIX arrondissement.

La Mouzaïa. Si tratta di un altro dei quartieri “segreti” di Parigi, almeno ai turisti e si trova proprio accanto a quello della Butte Bergeyre, nel XIX arrondissement. Fondato come quartiere popolare, è diventato nel tempo un luogo sofisticato ed elegante, formato da piccole case e villette piene di fiori e con graziosi giardini. Non sembra nemmeno di esssere a Parigi, piuttosto in una cittadina rurale della Francia.

Rue Crémieux. Un’altra zona molto pittoresca di Parigi, sorge vicino alla famosa Gare de Lyon. Rue Crémieux ha case di circa piani di tutti i colori. Anche qui sembra di essere fuori Parigi. Sembra di essere in Provenza o in Costa Azzurra. Negli ultimi anni, purtroppo, Rue Crémieux è diventata famosa grazie a Instagram, come meta dove scattare la foto perfetta da condividere sui social. Non è più, dunque, un luogo così segreto, ma da visitare comunque. La via si trova nel XII arrondissement.

Dodo Manège. Più che di un luogo, si tratta di un’attrazione. Dodo Manège è una giostra, come quelle di una volta ma la sua particolarità è che non ha cavalli bianchi sui quali salire ma animali a rischio di estinzione. Per richiamare l’attenzione sulla tutela del mondo animale. la giostra si trova all’interno del Jardin des Plantes, vicino al Museo di Storia Naturale. Lo Jardin des Plantes è il principale orto botanico di Francia. Sorge nel V arrondissement e si affaccia sulla Rive Gauche della Senna.

5 segreti parigi
Passage de l’Ancre a Parigi (Adobe Stock)

Passage de l’Ancre. Infine, un altro posto molto pittoresco che sembra essere fuori dalla città di Parigi. È una stretta strada privata piena di piante e fiori, dove si affacciano botteghe storiche con le loro verande e vetrine di legno colorato. Siamo nel quartiere di Sainte-Avoye nel III arrondissement di Parigi. Il Passagne de l’Ancre inizia al numero 221 Rue Saint-Martin e termina al numero 30 di Rue de Turbigo. Un luogo molto suggestivo che ha mantenuto la sua segretezza. Anche perché ha riaperto al pubblico solo nel 1998, dopo la Seconda guerra mondiale.