Vuoi scalare il Monte Bianco? Paghi 15mila euro di cauzione

La brutta notizia per gli alpinisti: vuoi scalare il Monte Bianco? Paghi 15mila euro di cauzione. Il provvedimento della Francia. Tutte le informazioni utili.

Dopo la chiusure delle vie di salita al Monte Bianco dal versante francese, arriva il provvedimento che impone il pagamento di una cauzione agli alpinisti che decidono comunque di scalare la montagna nonostante il pericolo.

scalare monte bianco cauzione
Vuoi scalare il Monte Bianco? Paghi 15mila euro di cauzione (Adobe Stock)

Il provvedimento sta facendo discutere ma per le autorità locali si tratta di una scelta obbligata se si vogliono ridurre gli incidenti e soprattutto evitare le ingenti spese per i soccorsi, come quella dell’elicottero che si alza in volo per recuperare gli alpinisti bloccati o feriti.

Misure del genere, comunque, non sono una novità, anche la Svizzera le aveva adottate. Scopriamo di cosa si tratta in dettaglio.

Nel frattempo, segnaliamo che appena due giorni fa si è verificato un crollo sul Cervino, con caduta di rocce e pietre che solo per un caso fortuito non hanno travolto gli alpinisti che si trovavano sulla montagna.

Vuoi scalare il Monte Bianco? Paghi 15mila euro di cauzione

A Saint-Gervais-Les-Bains, località dell’Alta Savoia sul versante francese del Monte Bianco, il sindaco Jean-Marc Peillex ha deciso di prendere provvedimenti drastici contro il rischio di incidenti dovuto ai crolli per la siccità e al caldo estremo.

Dopo aver chiuso la via di salita alla montagna, a causa delle “importanti cadute di pietre”, il sindaco ha deciso di introdurre l’obbligo del pagamento di una cauzione per quegli alpinisti che decidono comunque di scalare il Monte Bianco. Nonostante il divieto e la sospensione delle ascensioni da parte delle guide alpine almeno fino al 15 agosto.

Il sindaco di Saint-Gervais-Les-Bains ha stabilito il prezzo della cauzione a 15.000 euro, di questi 10.000 sono per il costo medio dei soccorsi e 5.000 per le spese di sepoltura delle eventuale vittima. Un provvedimento choc, che sta suscitando grande clamore in Francia ma che purtroppo tiene conto delle spese di soccorso in caso di incidente. Come si legge sul Corriere della Sera.

Il sindaco Jean-Marc Peillex, però, è fermo nella sua decisione e ha attaccato duramente gli “pseudo alpinisti“, come li ha definiti, che hanno continuato a salire sulla montagna nonostante il divieto e i pericoli concreti.

“È inaccettabile che sia il contribuente francese a pagare questi costi”, ha dichiarato il sindaco, per il soccorso di “pazzi candidati alla morte che vogliono salire in vetta al Monte Bianco”.

Limitazioni alle salite sul Monte Bianco

Nel frattempo, anche sul versante italiano del Monte Bianco le guide alpine hanno sospeso le salite, così come sul Cervino.

Che ne pensate di questi divieti? E del pagamento della cauzione? Una misura giusta o troppo severa?

scalare monte bianco cauzione
Il Monte Bianco visto da Saint-Gervais-Les-Bains (Adobe Stock)