I divi del passato al Teatro San Carlo di Napoli

Questo dicembre, il Teatro San Carlo ha deciso di regalare ai napoletani e ai turisti una fantastica mostra, dedicata tutta al suo pubblico. Ecco di che esposizione siamo parlando.

Mostra Teatro San Carlo Napoli
I divi del passato al Teatro San Carlo di Napoli. Credits: Flickr

Il Teatro Lirico più antico d’Europa, il San Carlo di Napoli, ha deciso di celebrare il suo pubblico con una mostra speciale, dopo un periodo forzato di chiusura dovuto al Covid-19. Questa mostra si chiama “Prêt à parterre: di moda in modi al San Carlo”, dove il pubblico è assoluto protagonista.

Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa fantastica mostra, da visitare in questo periodo di festa ma anche fino ad aprile 2022.

“Prêt à parterre: di moda in modi al San Carlo”, una speciale mostra a Napoli

In questa mostra, chiamata “Prêt à parterre: di moda in modi al San Carlo”, è il teatro a guardare il pubblico, in una prospettiva ribaltata.

Il pubblico, quindi, diventa protagonista assoluto di un racconto che si sviluppa negli spazi del MeMus, all’interno del Palazzo Reale di Napoli.

Questa narrazione visiva e audiovisiva che parte per lo più dagli anni Cinquanta del Novecento e arriva fino alla contemporaneità, si snoda attraverso fotografie, libretti, biglietti, abbonamenti, oggetti vari, abiti e accessori, ma anche testimonianze dirette del pubblico di oggi.

Gli spettatori, che nel rito dell’andare a teatro cambiano mode e gusti, sono lo specchio di una società che si evolve, cambia pelle, muta lo stile, sono un caleidoscopio attraverso cui poter riconoscere tutte le trasformazioni culturali e storiche dei tempi.

Negli scatti dell’Archivio Riccardo Carbone, esposti per l’occasione, appaiono anche le dive più famose di tutti i tempi, da Sophia Loren a Ingrid Bergman, ma anche personaggi storici come Totò e Roberto Rossellini, Maria Callas e Giulio Andreotti.

Una mostra, quindi, che mette in luce usi e costumi del pubblico del Teatro San Carlo, un luogo magico, un teatro che ha una storia molto importante per la città di Napoli.

Leggi anche: Natale 2021: le mostre più belle da vedere a Napoli