Una scoperta unica: una sinagoga ritrovata dopo 2000 anni in Israele

Scoperta a Israele una sinagoga ebraica, che risale a 2000 anni fa. Ecco cosa hanno trovato i ricercatori in questo sito archeologico unico.

Israele sinagoga
Una scoperta unica: una sinagoga ritrovata dopo 2000 anni in Israele. Credits: Flickr

A pochi giorni dalle festività natalizie, in Israele è stata scoperta una sinagoga risalente a circa 2000 anni fa, un ritrovamento molto importante per i ricercatori.

Per il popolo di Israele, questo nuovo scavo dona nuova luce sulla vita della comunità ebraica nell’area in cui il Nuovo Testamento afferma che Gesù compì i suoi miracoli, segnando la prima volta che due case di preghiera furono scoperte nello stesso insediamento. Ecco dove si trova e cosa hanno rilevato gli archeologi.

La sinagoga di 2000 anni fa ritrovata a Israele

Una sinagoga di circa 2000 anni è stata ritrovata a Magdala, il paese di Maria Maddalena, una costruzione risalente al periodo del Secondo Tempio.

La scoperta è rilevante perché è la prima volta che due sinagoghe vengono ritrovate nello stesso insediamento del Periodo del Secondo Tempio, ovvero il periodo della predicazione di Gesù.

La prima, infatti, venne ritrovata solo dieci anni fa, scoperta recente quindi che segna un traguardo importante per tutta la comunità ebraica.

La sinagoga ritrovata è un ampio edificio di forma quadrata, costruito in basalto e pietra calcarea, con una sala centrale e due stanze aggiuntive, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Xinhua. Le pareti del salone centrale sono rivestite di intonaco bianco e colorato e lungo di esse si trova una panca in pietra, anch’essa intonacata.

Una delle stanze, sul lato sud della sala, potrebbe essere stata utilizzata per conservare le pergamene. All’interno della stanza, gli archeologi hanno trovato una mensola in pietra rivestita di gesso.

Nel sito, i ricercatori hanno anche trovato candele di ceramica, ciotole di vetro modellato, monete e gres usati per la purificazione.

Magdala, un antico insediamento ebraico

Magdala in Israele era un prospero villaggio di pescatori sulla sponda occidentale del Mar di Galilea, tra Cafarnao e Tiberiade. Il sito è stato conquistato e distrutto nel 67 d.C. dai romani e nei periodi successivi è stato poco colonizzato. Oggi è un parco archeologico e un centro cattolico, anche perché per tradizione cristiana è anche la dimora di Maria Maddalena.

Magdala oggi è una popolare attrazione turistica, grazie alla ricchezza dei reperti archeologici che sono conservati lì. Qui c’è la prima sinagoga trovata in questo secolo, alla quale si aggiunge quella trovata proprio in questi giorni. Una grande pietra decorata che si trova qui al centro lascia ancora perplessi gli studiosi, poiché non è stata fornita alcuna spiegazione soddisfacente per le sue enigmatiche decorazioni.

Accanto alla sinagoga ci sono anche tracce del mercato rionale e, sul lato opposto del sito, è stata scoperta una ricca area residenziale, compresi pavimenti a mosaico e bagni rituali privati.

Leggi anche: A Natale si potrà volare a Gerusalemme e a Nazaret: Israele riapre, ma con regole ferree