Giornata Internazionale del Trekking Urbano 2021: riscoprire le città a piedi

Giornata Internazionale del Trekking Urbano 2021: riscoprire le città a piedi. Tutte le iniziative da non perdere.

trekking urbano 2021
Giornata Internazionale del Trekking Urbano 2021: riscoprire le città a piedi (Teatro Romano di Spoleto. Adobe Stock)

Torna anche quest’anno l’appuntamento con la Giornata Internazionale del Trekking Urbano, domenica 31 ottobre, per scoprire e riscoprire i nostri centri storici a piedi. Giunta alla sua XVIII edizione l’iniziativa è lanciata quest’anno con il tema della “sana follia“: “Una sana follia. Alla scoperta del territorio attraverso i suoi bizzarri personaggi“, è lo slogan esteso che promuove la Giornata.

Con le passeggiate nelle città, infatti, oltre ad ammirare le bellezze architettoniche si conosceranno le vicende dei personaggi storici e bizzarri che hanno abitato questi luoghi. Sono 76 i comuni che hanno aderito all’iniziativa, in 17 regioni.

Attenzione, però, a causa del maltempo o del Covid, in alcune città la manifestazione è stata rimandata o annullata. Come a Catania, ad esempio, dove a seguito delle devastazioni del ciclone mediterraneo e del maltempo ancora atteso per il prossimo weekend, la Giornata del Trekking Urbano 2021 si svolgerà il 6 e 7 novembre. Di seguito tutte le informazioni.

Leggi anche –> Skipass Modena 2021: tutto il mondo dello sci e della montagna in inverno

Giornata Internazionale del Trekking Urbano 2021: riscoprire le città a piedi

Piazza del Campo a Siena con Cecco Angiolieri, Spoleto con il Teatro Romano e i teatri moderni, alla scoperta dei segreti e degli aneddoti dietro le quinte, Mantova e la casa del Rigoletto, insieme all’altro figlio illustre della città, Tazio Nuvolari, e Bologna con i suoi personaggi dalle Belle Époque. Sono solo alcune delle 76 città italiane da percorrere a piedi nella Giornata Internazionale del Trekking Urbano 2021, domenica 31 ottobre, insieme ai loro personaggi storici più singolari. In linea con il tema di quest’anno, dedicato a “una sana follia, alla scoperta del territorio attraverso i suoi bizzarri personaggi“. L’obiettivo è quello di valorizzare i luoghi attraverso le storie e i racconti legati a personaggi originali e alle loro vicende.

I percorsi del trekking urbano partono di massima alle 10 del mattino, con una durata media di circa 3 ore. Sono aperti tutti, con varie difficoltà varie ma generalmente nella media. Gli itinerari possono avere una lunghezza da 1,5 km a 7 km.

Le città aderenti

portici bologna patrimonio unesco
I Portici di Bologna sono Patrimonio Unesco (Adobe Stock)

Ecco l’elenco delle le città che aderiscono alla XVIII edizione del Trekking Urbano: Acqui Terme, Amelia, Anagni, Ancona, Aosta, Asciano, Asolo, Bagnolo San Vito, Bassano del Grappa, Biella, Bologna, Cammarata, Capaccio Paestum, Castelfranco Veneto, Catania, Ceglie Messapica, Cento, Centuripe, Chieti, Cividale del Friuli, Colli al Metauro, Conegliano, Correggio, Crescentino, Cusano Milanino, Druento, Ercolano, Feltre, Fermo, Follina, Ivrea, Lucca, Macerata, Maglie, Manerba del Garda, Mantova, Mariano Comense, Massa Marittima, Massafra, Molfetta, Monselice, Murlo, Narni, Oderzo, Oristano, Padova, Palma di Montechiaro, Palmanova, Passirano, Pavia, Pergola, Perugia, Pisa, Prato, Rieti, Roncade, Rovato, Rovigo, Salsomaggiore Terme, San Giovanni in Fiore, San Severino Marche, Scicli, Sestri Levante, Siena, Sondrio, Sovizzo, Spoleto, Tempio di Pausania, Terracina, Todi,  Torino, Trento, Urbania, Urbino, Valdobbiadene, Vinci e Vittorio Veneto.

Tra gli itinerari da non perdere segnaliamo quello di Sovizzo, in provincia di Vicenza, con passeggiata lungo il torrente Mezzaruolo (affluente del fiume Retrone) per raggiungere antica Villa Teresa, residenza del 500 della famiglia Sale, feudatari veneziani, poi la chiesa quattrocentesca di San Daniele, di origine longobarda.

A Centuripe, in provincia di Enna, si possono ammirare l’imponente mole dell’Etna e le vallate fluviali circostanti. La città fu ondata dai siculi verso l’VIII secolo a.C. e da allora abitata senza soluzione di continuità fino al XIII secolo d.C. L’impianto urbano con le sue pittoresche viuzze è ancora quello cinquecentesco. Lungo il corso del fiume Simeto, si possono ammirare i resti di un grande ponte che affascinò i viaggiatori del ’700.

L’elenco degli aderenti, gli itinerari e le ultime notizie sono in aggiornamento continuo sul sito web ufficiale dell’iniziativa. Per ulteriori informazioni: www.trekkingurbano.info

Cos’è il trekking urbano

Si tratta di una forma di “sport dolce”, adatto a tutte le età e a tutte le stagioni. Gli itinerari sono differenziati per lunghezza e per difficoltà, per poter essere percorsi sia da persone allenate che dai meno esperti.

Il trekking urbano è un nuovo modo di fare turismo, meno strutturato e lontano dai circuiti più conosciuti. Un turismo sostenibile e “vagabonding”, più libero e ricco di sorprese che privilegia gli angoli più nascosti e meno noti delle città d’arte italiane. Attraverso itinerari studiati da esperti, si può vivere un’esperienza di viaggio unica, unendo la possibilità di immergersi nell’arte e nella natura allo sport.

Leggi anche –> Mostre da non perdere in Italia in autunno 2021

guida mantova
Guida di Mantova: alla scoperta della città dei Gonzaga (Mantova dal Mincio, Foto di Luciano from Roma, CC BY 2.0, Wikicommons)