Temperature roventi: la città più bollente d’Europa è in Italia con 48.8 gradi

La temperatura da record è stata registrata in Sicilia. Le temperature attese in Italia nei prossimi giorni

caldo italia
Floridia in provincia di Siracusa è la città più calda d’Europa

E’ la settimana più rovente di tutto l’anno e da Nord a Sud Italia si boccheggia per il caldo record. L’anticiclone africano sta inviando masse d’aria bollente sul nostro Paese che stanno facendo innalzare vertiginosamente le temperature. Tanto che oggi in Sicilia si è registrata una temperatura da record, la temperatura più alta mai registrata in Europa: 48.8 gradi. Un primato poco invidiabile e un caldo insopportabile con cui dovremo fare i conti ancora per qualche giorno.

In Sicilia la temperatura più alta d’Europa

Gli esperti del meteo avevano avvertito che in questa ondata bollente di Ferragosto le temperature sarebbero state elevatissime, quasi prossime ai 50 gradi in Sicilia. Ma ci si augurava che fosse un po’ un’esagerazione, un azzardo da meteorologo, si sperava nello sbaglio.

Invece nessun errore. Tutta Italia sta soffrendo per l’aria rovente che viene dal Sahara. Un caldo insopportabile in cui aprire le finestre assomiglia ad accendere un phon puntato addosso e in cui nemmeno di notte si trova sollievo. Ma in nessun luogo d’Italia si soffre come a Floridia in provincia di Siracusa.

In questo paese in provincia di Siracusa è stata raggiunta infatti la temperatura più alta non solo di sempre in Italia, ma di Europa. Finora il record lo deteneva Atene quando il 10 luglio del 1977 si registrarono 48 gradi. Ora invece il primato di città più calda di sempre in Europa va a Floridia con 48.8 gradi.

Ma è tutta la Sicilia, come annunciato, ad essere rovente. Non solo la piana di Siracusa: a Paternò il termometro oggi ha segnato 47.4, a Mineo 46 ad Aragono 45.2.

Temperature cosa ci aspetta nei prossimi giorni

E mentre tutti attendiamo che questa ondata passi quanto prima – secondo le previsioni un’inversione termica ci sarà solo dopo il 17 agosto – ci dobbiamo preparare ad un Ferragosto infuocato. Le temperature che fra mercoledì 11 e giovedì 12 agosto toccheranno il picco non scenderanno.

A Roma si raggiungeranno i 38 gradi e solo mercoledì 18 si scenderà a 33 gradi. A Firenze il picco del caldo sarà venerdì quando il termometro segnerà 40 gradi, a Ferragosto 38 e mercoledì 32. A Bologna il giorno più caldo sarà la domenica di Ferragosto con 38 gradi. A Milano si toccheranno i 36 gradi, poi da mercoledì 18 crollo a 27 gradi!

In Sardegna a Sassari i valori saranno intorno ai 37 gradi, in Puglia a Foggia si arriverà a 39 gradi lunedì 16 agosto e il calo sarà poi solo di 2/3 gradi. A Catania invece dopo il picco bollente di oggi le temperature caleranno di ben 8 gradi portandosi a 32/33 gradi. Lo stesso a Ragusa che passerà dai 31 di oggi ai 33 di sabato 14 agosto.

Per la giornata di venerdì 13 agosto il bollentino sulle ondate di calore del Ministero della Salute individua ben 15 città da bollino rosso, ovvero con allerta massima e rischi per la salute per tutti. Le città più a rischio sono: Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti, Roma, Trieste e Viterbo.

caldo italia
Temperature bollenti in tutta Italia nella settimana di Ferragosto

Scavallato Ferragosto nel giro di qualche giorno un po’ovunque in Italia si tornerà a temperature più consone. E il record di città più calda d’Europa sarà almeno per quest’estate un ricordo.

Previous articleMeteo weekend di Ferragosto: caldo infernale e temporali
Next articleSpiagge delle Eolie: le più belle sull’isola di Lipari
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.